3 dicembre 2016

Fca-Sata di Melfi. Piove governo ladro e piove sul bagnato!

Superata la sbornia propagantistica del governo e dei suoi alfieri è arrivato il momento di fare un serio bilancio delle politiche occupazionali prodotte dal Jobs Act e, più in generale, dalle politiche socio-economiche del Paese. E lo facciamo a partire dai dati che ci fornisce lo stesso Ministero del Lavoro là dove ci dice, scritto nero su bianco, che nel secondo trimestre 2016 le assunzioni a tempo indeterminato su scala nazionale scendono del 30%, mentre aumentano i licenziamenti di oltre il 7%.

Non va meglio quando questi dati li inseriamo nella cornice lucana – come ci ha ricordato in questi giorni la Cgil Basilicata – dove nella sola seconda metà del 2015 le nuove assunzioni sono calate del 27,7%, così come calano del 29,2% le trasformazioni dei contratti da tempo determinato a tempo indeterminato (ovviamente ‘tempo indeterminato’ si fa per dire, mentre vi è un aumento dell’utilizzo dei voucher che nei soli primi sei mesi del 2016 sale a +108,9%). Morale della favola: il Jobs Act costa alle casse dello Stato oltre 20 miliardi, senza che vi sia traccia di ricadute a segno positivo.

È questo il quadro in cui si inserisce la comunicazione, formale, da parte della direzione della Fca-Sata di Melfi, dell’apertura della procedura di Legge per la Cassa Integrazione Ordinaria che investirebbe ben 1.071 operai e 13 impiegati. Decisione che si inserisce in un più ampio contesto di tagli ai diritti e correlato aumento dei carichi e dei ritmi produttivi che ha sempre più leso il potere di contrattazione operaia. D’altronde, se si approva una legge come il Jobs Act con i suoi tagli alle tutele e con le facilitazioni al licenziamento, prima o poi quella legge qualcuno la utilizzerà.

Ancora una volta il lavoro viene utilizzato come una clava contro le lavoratrici e i lavoratori, e diventa l’avamposto di un più ampio attacco alla democrazia sostanziale. Non è un caso che questo clima abbia prima anticipato e poi affiancato l’attacco mosso alla Costituzione, dimostrando come esista un legame stretto tra diritti del lavoro e democrazia del Paese.
Siamo all’interno di una oramai miscela esplosiva che va assolutamente fermata: la battaglia per riaffermare i diritti di lavoratrici e lavoratori è tutt’uno con la battaglia per bocciare la controriforma costituzionale proposta e imposta. Ed è tutt’uno con un cambio di cultura, affinché la politica esca dall’autoreferenzialità in cui spesso è comodamente rinchiusa e torni a rappresentare il malessere sociale, che si fa sempre più insopportabile.

Commenti

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5925 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.