10 dicembre 2016

Rapinatore ucciso, Idv: “Ok archiviazione orefice, ora nostra legge”

“Siamo vicini a Rodolfo Corazzo, gioielliere che nel milanese sparò ed uccise un rapinatore, per il quale il pm ha chiesto l’archiviazione in quanto caso di legittima difesa. Riteniamo però che chi si difende dai ladri non dovrebbe essere costretto a vivere l’incubo di un procedimento giudiziario: sollecitiamo quindi il Parlamento a discutere ed approvare la nostra proposta di legge, sostenuta da due milioni di firme raccolte, che aumenta le pene per i ladri e rafforza l’inviolabilità del domicilio”.

A dirlo è il segretario nazionale dell’Italia dei Valori Ignazio Messina, che ha ricordato: “Negli ultimi mesi sono stati sempre più frequenti gravi fatti di cronaca che hanno evidenziato l’esistenza di bande di spietati criminali che si introducono nelle abitazioni o nei luoghi dove viene esercitata un’attività commerciale, professionale o imprenditoriale, mettendo costantemente a repentaglio l’incolumità dei malcapitati”.

“Se la nostra proposta sarà approvata, e noi lavoreremo duramente in Parlamento affinchè ciò possa avvenire in tempi brevi – ha assicurato Messina – la violazione del domicilio verrà punita molto più duramente, escludendo poi qualsiasi responsabilità per danni subiti da chi volontariamente si è introdotto nelle sfere di privata dimora. Vogliamo dunque evitare ogni ipotesi di trasformazione dell’aggressore in vittima. Ad oggi, infatti, è possibile per legge richiedere, da parte dello stesso aggressore e in determinate circostanze, il risarcimento dei danni”.

About Emanuele Bompadre 8290 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.