10 dicembre 2016

Monterotondo, al via i lavori di adeguamento del viadotto di Piedicosta

Al via nei prossimi giorni gli attesi lavori di adeguamento strutturale del viadotto “Ernesto Che Guevara” a Piedicosta, chiuso precauzionalmente e poi riaperto ad una sola corsia di marcia lo scorso anno.

àL’intervento, autorizzato dal Genio civile regionale dopo un lungo iter che ha comportato diverse integrazioni progettuali, interesserà il muro di controripa, quello di sostegno ai terreni sovrastanti il viadotto, che sarà rinforzato in altezza, spessore e con l’inserimento di tiranti posti ad altezza variabile rispetto alla sua base. Tali soluzioni garantiranno la messa in sicurezza rispetto a rischi di riversamento di fango o terra sulla carreggiata, potenzialmente provocati da movimenti franosi sovrastanti, anche accentuati da fenomeni meteorici di particolare entità.

Nessun problema, invece, per la struttura del viadotto, la cui sostanziale duttilità anche in presenza di possibili nuovi carichi derivanti da eventuali smottamenti a monte era stata certificata dalle verifiche, dai rilievi e dalle simulazioni matematico/strutturali eseguite da tecnici specializzati.

I lavori si concluderanno entro quaranta giorni continuativi, al termine dei quali il viadotto tornerà alle normali condizioni di percorribilità veicolare, quindi su entrambi i sensi di marcia.

«Ci rendiamo conto dei disagi che l’istituzione del senso unico sul viadotto ha comportato  – afferma il sindaco Alessandrima se si è proceduto in questo modo lo si è fatto perché ve ne era la necessità, valutando attentamente ogni possibile elemento di rischio. Qualunque altro provvedimento di viabilità provvisoria, compreso il senso unico alternato anche regolato da impianti semaforici, non avrebbe infatti offerto le stesse garanzie di sicurezza. E nessun disagio, per quanto pesante, è rilevante quanto un rischio per l’incolumità pubblica. Non abbiamo invece sostanziali novità rispetto al sottopasso di via Monte Sant’Ilario, dopo che le autorità giudiziarie hanno ritenuto di non doverne concedere il dissequestro, neanche limitato alla sola riapertura del traffico pedonale».