9 dicembre 2016

AL MAXXI la mostra di Basim Magdy. The Stars Were Aligned For A Century Of New Beginnings: dal 15 settembre

 

 

«Dal 15 settembre, il MAXXI, insieme a Deutsche Bank, presenta la prima mostra personale in Italia dedicata a Basim Magdy, artista vincitore del premio Deutsche Bank’s “Artist of the Year” 2016, riconoscimento annuale rivolto ad artisti emergenti o a metà carriera che si sono distinti per la creatività e il valore significativo del proprio lavoro.

La mostra dal titolo The Stars Were Aligned For A Century Of New Beginnings (Le stelle si sono allineate per un secolo di nuovi inizi) è stata inaugurata lo scorso aprile alla Deutsche Bank Kunsthalle di Berlino e, dopo il MAXXI, aprirà al Museo di Arte Contemporanea di Chicago.

L’esposizione di Basim Magdy al MAXXI si inserisce nell’ambito di Expanding The Horizon una nuova iniziativa promossa dal museo per sviluppare ulteriormente le proprie ambizioni globali ed esplorare una nuova forma di spazio pubblico generato da collaborazioni tra il Museo e altri istituti e collezioni private.

Oltre 30 lavori tra film, proiezioni, fotografie, dipinti e installazioni, realizzati tra il 2006 e il 2016, compongono il percorso della mostra, curata da Britta Färber, curatrice di Deutsche Bank e Anne Palopoli, curatrice del MAXXI.

Dice Giovanna Melandri Presidente Fondazione MAXXI: “Siamo molto felici di ospitare la mostra di Basim Magdy non solo per la qualità e la contemporaneità del suo lavoro, perfetto per gli spazi di un museo come questo, laboratorio aperto, piattaforma di incontro tra le arti, ma anche perché è il segno tangibile della collaborazione con un partner d’eccezione come Deutsche Bank con una lunga tradizione di sostegno e promozione alle Arti. Istituzioni, imprese, collezionisti hanno infatti un ruolo fondamentale nel percorso del MAXXI, un sostegno imprescindibile al superamento delle nostre sfide culturali”.

“Siamo molto soddisfatti di inaugurare al Museo MAXXI la prima grande mostra personale in Italia di Basim Magdy, un artista che con il suo lavoro ci permette di guardare avanti – commenta Friedhelm Huette, Global Head of Art di Deutsche Bank – Madgy appartiene a un numero crescente di artisti fortemente influenzati da internet e da una forma di pensiero in ottica di rete, le cui visioni del futuro divergono sempre più dalla fede nel progresso del 20° secolo. Nel MAXXI, abbiamo trovato il partner ideale con cui condividere e dare spazio alle tendenze artistiche più attuali e maggiormente proiettate al futuro, in una comune e costante ricerca di riflessione e ispirazione”.

Sebbene The Stars Were Aligned For A Century Of New Beginnings suoni inizialmente come un messaggio ottimistico, nelle opere esposte Magdy gioca, con ironia e umorismo, con il costante e mutevole alternarsi di speranze, utopie e sconfitte che caratterizza la vita degli uomini.

L’artista, nato nel 1977 ad Assiut (Egitto) e che oggi vive tra Basilea e il Cairo, invita i visitatori a intraprendere un viaggio nel futuro, ma è il presente ciò che lo interessa principalmente. Il suo lavoro, fatto di proiezioni, fotografie, lavori su carta e installazioni si combina in un flusso di immagini che riflette quanto siano fluidi i confini tra realtà e finzione. 

“Il fallimento collettivo”, dice l’artista, “ha la stessa importanza sia che avvenga nel diciannovesimo secolo che nel ventiduesimo. Non c’è nulla di speciale nel nostro tempo o in ciò a cui stiamo assistendo oggi. Siamo solo ingenui abbastanza da ripetere gli stessi errori fatti già tante volte”.

Tra le opere esposte, The Future of Your Head (2008), una scultura composta da un vetro specchiato su cui delle luci natalizie compongono un messaggio che ci suggerisce di lasciarci alle spalle la visione autoreferenziale e antropocentrica del mondo.

La significativa trilogia di film prodotta nel 2014 (The Everyday Ritual of Solitude Hatching Monkeys – The Many Colors of the Sky Radiate Forgetfulness – The Dent ) mostra, in uno scenario post-apocalittico, come le società siano rovinate, incastrate in assurdi rituali di conservazione del passato o di progetti megalomani.

Molti i lavori su carta, caratterizzati da colori psichedelici, che raccontano di gruppi di ricercatori che vagano tra edifici futuristici e stazioni radio come in Miniature Existence (2009), o di persone ben vestite che celebrano il fallimento collettivo di un mondo in cui la civiltà umana sembra giunta alla fine come in A Recollection of Past Errors Manifested as a Crustacean (2013).

Al centro della mostra vi è l’imponente lavoro fotografico An Apology of a Love Story that Crashed into a Whale composto da 64 scatti di grande dimensione. Commissionato appositamente per questa personale, il lavoro rivela con enfasi l’uso sapiente che Madgy fa di testo e di immagini.

Le installazioni, i film, le fotografie e i disegni di questo artista egiziano emanano una strana tragicomica allegria; ciò che li rende così irreali è l’uso di musiche ipnotiche, colori acidi, il sapore antiquato dei testi, con cui crea narrazioni suggerite che lasciano aperte le conclusioni. Quello che tenta di fare con il suo lavoro è proporre alternative libere da gerarchie e ideologie.

Il modo in cui combina testi e immagini, la veste poetica e a volte assurda dei suoi lavori ci rivelano il suo sguardo sulla realtà, che invita a pensare in modo laterale, accettando le contraddizioni e rifiutando i dogmi. 

Basim Magdy riflette costantemente sulla circolazione delle immagini e delle informazioni, e si interroga sul modo in cui noi stessi archiviamo e condividiamo i nostri ricordi, fatto che in qualche modo imposta il nostro futuro in strutture prestabilite. Usa la sua personale visione del futuro come un’opportunità per criticare il presente, e il suo umorismo surreale ci mette a confronto con quello che spesso rifiutiamo: l’incerto e l’incontrollabile.

Basim Magdy

Nato nel 1977 ad Assiut in Egitto, oggi vive tra Basilea e il Cairo. Negli ultimi anni, ha partecipato a numerose esposizioni internazionali di gruppo, tra cui nel 2013 le biennali di Sharjah e di Istanbul, mentre nel 2014 le biennali di Montreal e MEDIACITY Seoul. Selezionato per il “Future Generation Art Prize” di Kiev nel 2012, ha vinto l’”Abraaj Art Prize – Dubai” e il “New: Vision Award, CPH Dox Film Festival”- Copenaghen (2014) e l’”Experimental Award alla Curtas Vila do Conde: International Film Festival” (2015). Il suo lavoro è stato in mostra in esibizioni di grande fama come “Surround Audience: New Museum Triennial 2015” e “Ocean of Images. New Photography 2015” al MoMA di New York. Nel 2016 è stato selezionato come Deutsche Bank’s “Artist of the Year”.