5 dicembre 2016

Eraldo Affinati: “Gli insegnanti sono soli, la scuola è una trincea etica”

Eraldo Affinati, scrittore, insegnante e fondatore della “Penny Wirton”, una scuola gratuita di italiano per immigrati, ha scritto una lettera all’interno della quale sembrano non trovare spazio tutte quelle parole chiave che ci ha portato in dotazione la legge 107, cosiddetta de La Buona Scuola. Niente autonomia, neanche l’ombra della chiamata diretta, nessuna traccia di bonus insegnanti. Eraldo Affinati è intervenuto ai microfoni della trasmissione Open Day, condotta da Misa Urbano e Alessio Moriggi su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano. 

“Nella mia lettera –ha spiegato Affinati- ho volutamente tralasciato le questioni politico-amministrative che hanno coinvolto in questi anni il mondo della scuola, per parlare di una realtà concreta, di cui spesso ci dimentichiamo e che ruota tutta attorno ai rapporti umani che si instaurano in classe tra insegnanti e studenti. È in quel luogo, la classe, che si consumano vere e proprie battaglie, sfide continue tra adulti e adolescenti, gli uni col compito di trasmettere una tradizione, gli altri col diritto-dovere di acquisirla. Perdersi tra questioni amministrative e conflitti politici può far dimenticare il volto degli studenti e la fatica degli insegnanti”.

“Ogni giorno, quando un insegnate legge in classe Foscolo o Manzoni, fa un tentativo di richiamare la tradizione anche se non può trasmetterla come fosse un pacco postale. I ragazzi devono riuscire a vivere una tradizione che è ben lontana dalle loro vite e dai loro interessi e quella che intraprendono i loro insegnanti, è una battaglia che chiama in causa la storia del nostro paese, le identità europee, è una sfida continua, la scuola in questo senso è una trincea etica”.

“Tante volte, un insegnante è solo –ha aggiunto Affinati-. Il più delle volte si trova di fronte ragazzi che sono lusingati dai miti del successo, della  bellezza, della sanità e della ricchezza. L’insegnante è l’unica figura della loro vita che deve ricondurli ai valori dell’applicazione, del rigore, della concentrazione e dello studio. Puoi riuscirci solo se riesci ad accendere una passione ma una passione può essere accesa solo se la vivi”.

Fonte: Radio Cusano Campus