24 gennaio 2017

Futsal, serie B, il Todis Lido di Ostia cade in amichevole, il dg Salvi: “Nessun dramma”

Dopo il successo con l’Italpol nel primo match amichevole, il Todis Lido di Ostia Futsal ha conosciuto il primo k.o. stagionale: nel test di sabato al PalaLevante di Roma, la squadra di mister Roberto Matranga ha ceduto per 3-2 al cospetto della Virtus Aniene, ambiziosa compagine di serie C1. «Abbiamo scelto di giocare test amichevoli di livello proprio per questo motivo – rimarca il direttore generale del Todis Lido di Ostia Futsal, Lorenzo Salvi – In questo modo possono emergere eventuali difetti o cose da correggere, anche se in questo caso non ne facciamo un dramma e sappiamo bene che tutto questo fa parte del percorso di crescita di una squadra molto rinnovata in cui i vari elementi devono capire i meccanismi di gioco di Matranga. Inoltre la Virtus Aniene annovera elementi esperti e sicuramente di qualità: una compagine che potrebbe stare tranquillamente in serie B». Per la cronaca il Todis Lido di Ostia Futsal è andato a bersaglio con uno dei tanti nuovi arrivi, vale a dire Gioia (per il momentaneo 2-1) e proprio in extremis con Barra. A conferma delle parole del direttore generale lidense, all’orizzonte per il club dei presidenti Mastrorosato e Gastaldi c’è un altro test di lusso. «Mercoledì (calcio di inizio alle ore 17,30, ndr) saremo di scena al PalaGems di Tor di Quinto per far visita alla Lazio (ripescata in serie A, ndr). Ovviamente sarà un match molto impegnativo in cui verificheremo soprattutto alcune cose sull’organizzazione difensiva, ma cercheremo di fare una buona figura complessiva». Una settimana intensa perché sabato il Todis Lido di Ostia Futsal sarà impegnato a Santa Marinella contro un’altra formazione di serie C1 allestita per competere ai vertici. «Che tipo di campionato potrà fare il Lido? Siamo un club non abituato a cominciare le competizioni per centrare “tranquille salvezze”, ma allo stesso tempo siamo una società non abituata a fare proclami. Lavoreremo al massimo per cercare di ottenere il meglio, facendo parlare il campo».