9 dicembre 2016

Montella fa mea culpa

Si presenta con il viso amareggiato Mister Montella ai microfoni dei giornalisti per l’analisi di fine gara dopo il k.o interno maturato nei minuti finali, in virtù della rete di Perica. Queste le sue parole.
SULLA PARTITA
“Potevamo e dovevamo fare di più. Sapevamo quanto fosse difficile questa partita. Nel primo tempo abbiamo fatto bene, nella ripresa no. Non abbiamo avuto lo sprint mentale per vincere la partita. La sconfitta di oggi è un passo indietro rispetto alle gare contro Torino e Napoli però in un processo di crescita di una squadra qualche passo falso può capitare”.

PROBLEMI DELLA GARA
“Oggi avevamo Niang fuori, quindi avevamo qualche soluzione in meno nell’uno contro uno. Non è un problema di giocatori, le risorse ci sono per fare meglio rispetto alla gara di oggi. Honda? Gli ho chiesto di cercare il dribbling sull’esterno e devo dire che ha avuto un buon impatto sulla partita”.

DIFFERENZA TRA PRIMO E SECONDO TEMPO
“Ci siamo adagiati al ritmo della partita. Paradossalmente l’Udinese ci ha creato più problemi nel primo tempo in cui ci siamo espressi al meglio”.

SINGOLI
“Il problema non è Bacca, il problema è perdere le partite. Non può diventare un problema Bacca se la squadra non segna. È la prestazione della squadra che va migliorata. Bonaventura? Siamo abituati a vederlo giocare su alti livelli, ma avevamo tanti calciatori con una condizione peggiore. In più c’era la speranza che con una giocata potesse risolvere la partita”.

OTTIMISMO
“Resto ottimista. Sono stato scelto per risolvere i problemi e per questo dobbiamo lavorare consapevoli che bisogna migliorare. Dispiace per i fischi dei tifosi, dobbiamo crescere anche per loro”.

POSSIBILI RICADUTE?
“Non dobbiamo perdere entusiasmo, dobbiamo capire tutti insieme che non è la stessa cosa quando si perde rispetto a quando si vince. Dobbiamo fare di più con una maggiore rabbia e voglia”.

CAMBI TARDIVI?
“Quando un allenatore perde ha sempre torto, non posso dire altro”.

SUL RIGORE
“Non commento l’episodio su Bacca. Iachini ha detto che è rigore? Lui è onesto e per questo lo stimo”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5987 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.