8 dicembre 2016

Il tecnico rossonero presenta la gara di domenica contro l’Udinese

Giornata di conferenza stampa a San Siro per Mister Vincenzo Montella che ha parlato ai microfoni di Milan TV e, successivamente, ai giornalisti per introdurre la sfida di domani contro l’Udinese.

 

NAZIONALI
“Questa cosa ci riempie di orgoglio. È una richiesta che arriva dal Presidente, e il fatto che la nostra ossatura sia italiana è sicuramente una grande soddisfazione. L’avere tanti nazionali vuol dire che dobbiamo essere ancora più consapevole della nostra forza”.

GIOCATORI RIMASTI A MILANELLO
“Si possono fare delle prove. Si lavora molto più nello specifico, sul singolo. Per quanto riguarda chi è andato in Nazionale bisogna capire la condizione fisica al rientro, valutando la situazione giorno dopo giorno”.

SULLA PARTITA DI DOMANI
“L’Udinese gioca con un baricentro basso, avendo giocatori di fisicità e transizione. Dobbiamo essere consapevoli dei loro punti di forza e dei loro punti deboli, ed è proprio su questo punto che abbiamo lavorato. Conosco bene e ho grossa stima per Mister Iachini: dispone di ottimi calciatori, sarà una gara difficile ma dobbiamo far prevalere la nostra maggiore qualità”.

MIGLIORAMENTI
“Un allenatore deve dare subito la propria impronta. Allo stesso tempo i ragazzi devono essere bravi nel mettere in pratica ciò che gli viene proposto. È importante l’aspetto mentale, fisico e tattico. Voglio vedere una crescita sotto tutti i punti di vista. Bisogna migliorare la fase difensiva, e quando dico questo mi riferisco a tutta la squadra. Vorrei vedere una difesa molto più aiutata da tutti restanti reparti”.

SINGOLI
“Sosa sta bene. È cresciuto di condizione in questa fase, quindi è pronto. Mati? Dispiace per l’infortunio. È un giocatore che può sicuramente darci una mano. Honda? È un giocatore importante. In questo momento gli sto preferendo Suso, ma ha caratteristiche che sicuramente ci torneranno utili. In generale la competizione interna, quando è tra giocatori validi, fa solo bene”.

FORMAZIONE
“Ho le idee chiare. Bonaventura può fare il centrocampista e l’esterno alto, quindi vedremo”.

MODULO
“Io non credo nel modulo di gioco perfetto. Credo di più nei principi di gioco. Una volta che avremo acquisito questi concetti poi potremo variare il piano tattico. Anche perché, di fatto, non esiste il modulo perfetto”.

CENTROCAMPO-ATTACCO
“In mezzo al campo abbiamo tanti giocatori con caratteristiche di palleggio. Dovremo essere bravi ad imporre il nostro gioco per cercare di soffrire meno possibile l’Udinese. L’attacco? Bacca l’ho visto ieri. Dopo l’allenamento di oggi capirò di più sul suo stato di forma. Lapadula, invece, ha lavorato tanto in questa sosta. Ha rabbia e grande voglia, sono convinto che ci potrà dare una grossa mano”.

PROSSIMI IMPEGNI
“Credo che ogni partita dirà le ambizioni del Milan. Sicuramente saranno partite importanti. Lazio, Fiorentina e Sassuolo sono squadre collaudate, motivo in più per noi per crescere ancora più rapidamente. Al termine di queste partite si potranno capire diverse cose”.

MERCATO
“Devo ringraziare voi giornalisti perché vedo tanta fiducia intorno a me. Io sono contento di questo mercato. Siamo qui per costruire qualcosa, ci vuole tempo. Il materiale umano a disposizione è ottimo. Di mercato se ne è parlato tantissimo, la cosa che è passata in secondo piano sono le conferme di Bacca, Romagnoli e De Sciglio. Segno che c’è la voglia di dare continuità ad un progetto”.

TRANSIZIONE
“La fase di transizione societaria non deve andare ad intaccare quello che succede in campo. La mia concentrazione è solo su quello che accede nel rettangolo verde. Fino ad ora non ho trovato difficoltà nella gestione del quotidiano, anche perché ho la fortuna di essere aiutato dalle persone che lavorano insieme a me. Sono contento”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.