7 dicembre 2016

Report prove Aprilia

I primi due turni di prove libere a Misano raccontano di una Aprilia che ha iniziato col piede giusto l’avvicinamento alla tredicesima prova del Mondiale MotoGP. Nella FP1 del mattino è stato Bradl il migliore dell’Aprilia Racing Team Gresini con un dodicesimo posto in 1’34.126 a poco più di sei decimi (675 millesimi) dal miglior tempo.

Nel turno del pomeriggio Stefan era partito con la stessa baldanza facendosi vedere all’inizio tra i migliori ma una caduta nelle prime fasi del turno lo ha costretto al cambio moto, rallentandone il ritmo e impedendogli di migliorare il tempo della prima sessione, un risultato che era ampiamente alla sua portata. E’ stato così il compagno Bautista a mettersi maggiormente in mostra, con il miglior tempo di 1’33.846, in netta crescita rispetto alla FP1 (ha limato 65 decimi) lo spagnolo ha chiuso al tredicesimo posto.

 

 

ALVARO BAUTISTA

“Abbiamo iniziato bene, anche stamani, nel primo turno, ho chiuso a un secondo dal primo senza aver mai cambiato le gomme. Nel pomeriggio abbiamo voluto provare un nuovo setting di telaio, anche perché qui abbiamo fatto due giorni di test e quindi i riferimenti non ci mancano. In questa nuova configurazione abbiamo trovato diverse cose positive, ci sono alcuni aspetti da migliorare ma in generale siamo rimasti molto soddisfatti. Nel pomeriggio poi è arrivato il miglior giro che abbiamo mai fatto qui con la RS-GP, dunque possiamo dire che oggi è andata molto bene. Domani cercheremo di migliorare anche quegli aspetti che non sono ancora perfettamente a punto di questo nuovo setting per guadagnare altri decimi”.

STEFAN BRADL

“Una giornata di alti e bassi. Stamattina abbiamo fatto una FP1 molto buona, sfortunatamente nelle FP2 dopo una prima uscita piuttosto veloce sono scivolato alla curva 14. Di conseguenza ho dovuto utilizzare la seconda moto per qualche giro, con una configurazione diversa di ciclistica, mentre i miei meccanici sistemavano la prima. Una volta tornato in pista non sono riuscito a trovare il giusto ritmo nel finale. Un peccato, perchè potevamo continuare a migliorare, ma sono fiducioso in vista di domani visto che stiamo procedendo nella giusta direzione”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5976 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.