3 dicembre 2016

Per la prima volta dal suo ritorno in MotoGP Aprilia guadagna l’accesso alla Q2

Il sabato a Misano si era aperto bene per Bautista, autore di un ottimo terzo turno di prove. Nella FP3 lo spagnolo dell’Aprilia Racing Team Gresini ha infatti fatto segnare il decimo crono girando in 1’33.480. La combinata delle tre sessioni valide per l’ingresso alla Q2 lo relegava però in undicesima posizione, quando la rinuncia di Pirro all’accesso diretto in Q2 gli ha aperto le porte della qualifica che definisce le prime quattro file dello schieramento. Nella sessione decisiva Alvaro non ha ripetuto i tempi del mattino piazzandosi alla fine in dodicesima posizione, che gli vale la quarta fila nella partenza di domani e rappresenta il miglior piazzamento in griglia della neonata RS-GP.

Anche Bradl è stato protagonista di una giornata molto buona, ha mancato per 301 millesimi la qualifica alla Q2 ma il terzo tempo nella sessione, ottenuto con un giro in 1’33.399, gli ha fatto guadagnare il tredicesimo posto complessivo e quindi la migliore casella della quinta fila. Le buone prestazioni di Bautista e Bradl in qualifica a Misano segnano una tappa importante nel cammino di crescita del progetto RS-GP.

ALVARO BAUTISTA

“Stamani siamo riusciti a migliorare ancora un po’ il buon feeleing che avevo ieri e durante la FP3 mi sono trovato molto bene, sia come giro veloce sia come passo. E sono veramente contento di aver centrato la Q2, come non era mai accaduto prima. Nella FP4 abbiamo ancora fatto uno step di evoluzione che non mi ha convinto molto ma abbiamo deciso di mantenere così la moto anche in qualifica confidando nelle gomme nuove. Ma non ho trovato il buon feeling della mattina dunque per il warm-up e, soprattutto per la gara, torneremo al setting della FP3 che mi da molta fiducia. Stavolta siamo in una buona posizione e sono piuttosto fiducioso del passo che potremo tenere, quindi sarà molto importante partire bene”.

STEFAN BRADL

“C’è molto di cui parlare oggi. Penso che i nostri tempi siano stati molto buoni nel complesso. Ci si è messa di mezzo un pò di sfortuna, visto che per un piccolo inconveniente durante le FP4 assieme ai tecnici abbiamo deciso di utilizzare la seconda moto in Q1. Sono riuscito a fare un ottimo giro ma non abbastanza per entrare in Q2. Domani mattina nel warmup faremo qualche ulteriore verifica in termini di ciclistica, dobbiamo analizzare bene i dati per scegliere la migliore configurazione in ottica gara. Siamo cresciuti in maniera decisa, mi aspetto una gara combattuta nella quale potremo dire la nostra”.

 

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5925 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.