10 dicembre 2016

Allegri: «Bene in avanti, ma dobbiamo migliorare»

Due gol in dieci minuti (e sono tre in altrettante partite). Gonzalo Higuain è già un fattore determinante nell’attacco della Juve e Massimiliano Allegri non può che sottolinearne le qualità. Al contempo però, il tecnico punta anche l’indice su quanto non gli è piaciuto della gara contro il Sassuolo: «Higuain è un goleador che fa la differenza, ma dobbiamo avere più equilibrio nella fase difensiva. Abbiamo fatto molto bene nei primi ventisette minuti, anche se Buffon aveva già fatto una grande parata. E poi dobbiamo crescere nella gestione della palla sul 3-0, perché abbiamo concesso troppi tiri, rischiando di far riaprire la partita. Oggi abbiamo fatto bene tecnicamente in fase offensiva, dobbiamo lavorare per migliorare e ritrovare il nostro dna in quella difensiva. Pjanic? Oggi l’ho lasciato libero di muoversi, perché lui comunque per costruire va a posizionarsi in mezzo. Ecco perché penso che in futuro diventerà un grande nel ruolo di centrale davanti alla difesa».

La Juve è già a nove punti, «ma siamo solo alla terza giornata – ribatte Allegri – Dobbiamo lavorare per migliorare. Ogni giorno sento dire che siamo favoriti e più forti, ma le partite vanno giocate, Che la rosa sia forte non si mette in dubbio e le qualità tecniche non si discutono, ma ci si deve calare nella gare mettendosi al pari delle avversarie a livello mentale e fisico».

Ora arriva la Champions e per una Juve del genere anche il massimo trofeo continentale non può non essere un obiettivo: «Credo per la Juve debba essere sempre un obiettivo – conclude il tecnico – Lo era anche il mio primo anno e siamo arrivati in finale. L’obiettivo minimo è passare il turno e arrivare agli ottavi, poi vedremo il sorteggio. E per evitare trappole sarà importante arrivare primi nel girone».

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5990 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.