MotoGp, Misano: Pol Espargaro è il migliore delle prime libere

Il venerdì in Romagna emette il primo verdetto della classe regina e a brillare, quasi a sorpresa, è Pol Espargaro del team Monster Yamaha Tech3. Dani Pedrosa, pilota Repsol Honda è secondo dopo una prova in grande spolvero e più veloce del compagno di box e leader della classe Marc Marquez. Terzo è Dovizioso davanti ad un Jorge Lorenzo in risalita mentre il suo rivale di box Movistar Yamaha Valentino Rossi è sesto.




Il migliore della prima sessione è stato proprio il Dottore e la mattinata è stata segnata dalla caduta di Andrea Iannone, portacolori del Ducati Team. Il pilota di Vasto è stato vittima di un incidente durante la FP1, una scivolata che sembrava meno grave del previsto ma che si è rivelata causa della defezione nella sessione del pomeriggio dopo il ricovero in ospedale. Ad una prima diagnosi a Iannone è stata diagnosticata la lesione di una vertebra e probabilmente salterà anche la gara di domenica ma si attendono ulteriori accertamenti nella mattinata di sabato. In pista per il Team restano solo Andrea Dovizioso e Michele Pirro con il forlivese competitivo e alla ricerca del primato già dai primi giri. Il suo miglior tempo lo mette al comando della tabella crono ma è battuto da Marquez. Il numero 4 Ducati però è determinato a fare bene sulla sua pista di casa e torna primo con mettendo a referto il tempo di 1:33.849s. Dietro di lui Maverick Viñales, del team Suzuki Ecstar poi Dani Pedrosa pilota HRC.

Nelle prime fasi Rossi è quinto mentre Danilo Petrucci, Ducati Octo Pramac Yakhnich, è dodicesimo con Pirro diciottesimo. Continua la buona prova di Cal Crutchlow, LCR Honda ora quinto mentre è Lorenzo a mettersi in luce a meno 29 minuti dalla fine. Il pentacampione sigla il primo tempo: 1:32.253s. Il numero 99 sembra particolarmente a suo agio sulla pista romagnola, forte delle condizioni ottimali dell’asfalto continua a segnare tempi da primato dimostrando di poter tornare tra i protagonisti di vertice di questa tredicesima prova dell’anno. Quando sono trascorsi dieci minuti dall’inizio della FP2 Dovizioso si pone terza piazza, a meno di 0.5s dalla vetta. Dietro di lui ci sono i piloti HRC.

Crutchlow che era al settimo posto della tabella crono cade alla curva Carro mentre al secondo posto sale Aleix Espargaro, Suzuki Ecstar, in precedenza protagonista con il Dottore di uno scontro verbale nell’ultima curva prima del traguardo.

L’iridato in carica continua a studiare la pista romagnola e nei primi settori prova a migliorare il suo primato. Il sintomo che il miglior Lorenzo è pronto a dare il massimo nel GP di San Marino e che forse, questa volta, i problemi sono alle spalle. Nell’altra parte di box Movistar si lavora per tentare di migliorare la prestazione del pomeriggio e a meno dieci minuti dalla fine il Dottore è ottavo.

A meno cinque minuti dalla bandiera a scacchi Marquez e Pol Espargaro si laciano nei loro rispettivi giri veloci e sono terzo e secondo. Continua la buona prova del pilota Monster Yamaha. Anche il Dottore tenta l’assalto alla vetta ma è terzo. Conquista che riesce però all’ Espargaro su M1 satellite che firma il nuovo tempo da primato, 1:32.769s per lo spagnolo che alla fine dominerà il primo giorno sulla Riviera di Rimini. Dietro Lorenzo e Rossi, poi Marquez. Le Yamaha diventano le moto da battere a Misano.

Ma non è finita, anche la Ducati vuole dire la sua e Dovizioso di inserisce con un passaggio tirato tra le moto di Iwata a poco più di 0.1s da Espargaro. Il romagnolo però cede la posizione ad un arrembante Dani Pedrosa che sotto la bandiera a scacchi firma il secondo miglior tempo della giornata. A chiudere le prime cinque posizioni Lorenzo e Marquez.

Pirro e Petrucci saranno alla fine dodicesimo e quattordicesimo della combinata.

Fonte: motogp.cok,

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 8666 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.