3 dicembre 2016

MotoGp, Misano: la conferenza stampa

Inizia il GP di San Marino e sul circuito di Misano va in scena la conferenza stampa che apre ufficialmente la tredicesima prima prova del Campionato del Mondo MotoGP™ 2016. Un tracciato importante quello della riviera di Rimini, che porta il nome diMarco Simoncelli e ricorda le gesta del giovane pilota italiano scomparso cinque anni fa. La Romagna, terra di talento a due ruote, e l’Italia saranno ancora una volta palcoscenico della competizione motociclistica più seguita al mondo e, sin dal primo giorno, il ricordo di Simoncelli ha unito l’intero paddock del MotoGP™.

All’incontro con i media mondiali si presentano Marc Marquez, l’attuale leader iridato di Repsol Honda, Valentino Rossi, secondo in classifica e portacolori Movistar Yamaha con il rivale di scuderia Jorge Lorenzo, terzo in classifica generale. Poi Andrea Dovizioso, pilota del team Ducati e il vincitore dell’ultima gara, Maverick Viñales, Suzuki Ecstar. A chiudere l’appuntamento con la stampa Cal Crutchlow, portacolori LCR Honda.

Prima della conferenza stampa, Carmelo Ezpeleta, CEO di Dorna, ha ufficialmente ritirato il numero ’58’ come tributo a Simoncelli, campione del mondo in 250cc e pilota della MotoGP™ per due stagioni. Attualmente la pista di Misano porta il suo nome e il pilota che nel corso del GP di Malesia del 2011 è venuto tragicamente a mancare era nativo di Cattolica e cresciuto a Coriano, paesi a pochi chilometri dal circuito della Riviera di Rimini. Con il CEO di Dorna anche Paolo Simoncelli, il padre di Marco, che ha ricevuto dalla massima carica della società che organizza il MotoGP™ una riproduzione del numero di gara del figlio. Carmelo Ezpeleta ha ricordato anche l’importante opera della fondazione nata in memoria di Marco Simoncelli che sostiene e promuove progetti di solidarietà e cooperazione in Italia e all’estero.

Marc Marquez è reduce di un quarto posto di sostanza a Silverstone, il leader della classe ha perso solo tre lunghezze iridate ma è saldo al comando della classifica generale. Con un successo a Misano, dove già vinse l’anno scorso, potrà estendere forse definitivamente il suo vantaggio in campionato. “Una buona gara per me quella inglese, ho commesso qualche errore ma alla fine il risultato è stato positivo”, commenta il numero 93, “A Misano ci aspetta una prova importante e punteremo al massimo migliorando passo dopo passo”. Parlando dell’esaltante lotta con Rossi tra i curvoni della pista britannica racconta. “Si è stata una grande battaglia. Ho sbagliato la scelta della gomma davanti, pur così ho provato a recuperare e mi sono imbattuto in Valentino. È stata una bella sfida”. Termina con un commento sulla pista adriatica, “Misano è un tracciato sul quale ci troviamo bene, proveremo anche le nuove mescole Michelin. Sarà importante capirle”.

Per Valentino Rossi, come per gli altri piloti tricolore, è la gara di casa. Tavullia, il regno del nove volte campione, è a pochi chilometri dal tracciato della Riviera di Rimini e anche questo contribuisce a fare del fine settimana a Misano il più importante dell’anno per il Dottore. Rossi a che il la terza gara della stagione sarà fondamentale per continuare a inseguire il leader della classe ed è pronto a dare il massimo, anzi, più del massimo, come detto di recente dallo stesso. “Una gara speciale”, dice Valentino parlando del GP di San Marino, “Su una pista tanto diversa da Silverstone, soprattutto climaticamente; per fortuna le previsioni del tempo sono buone”. Il numero 46 parla dell’Emilia – Romagna e della Riviera Adriatica, terra che ha visto nascere quasi tutte le leve del motociclismo italiano, “Per diverse ragione è la zona italiana dove nascono o crescono più piloti. È un posto ottimo per allenarsi e vivere, anche dove si hanno i primi contatti con il motociclismo”. Termina con ricordi particolari. “Misano è stata la prima pista sulla quale ho visto correre delle moto e anche la prima dove ho partecipato ad una gara dopo le minimoto”. Tornando al presente termina, “Dalle prime libere daremo il massimo, anche di più”.

Jorge Lorenzo nelle ultime gare è sembrato lontano dalla condizione migliore. Non parla molto di classifica iridata; la distanza dalla vetta occupata dal connazionale di HRC è molta, 64 punti, e la concentrazione del maiorchino adesso è sulla singola prova, della Riviera di Rimini particolarmente dove però nel 2015 cadde e fu costretto al ritiro. “Una pista storicamente buona per me, solo l’anno scorso non è stato così, dovremo tornare allo stesso livello di inizo stagione. Sono stato lento per diverse ragioni”. Dice il numero 99 parlando del suo periodo non facile e commenta il prossimo GP. “Il tempo atmosferico dovrebbe essere migliore, punteremo a fare bene”. Termina con un commento sulla corsa iridata. “Nulla è ancora scritto nulla e tutto può succedere. Ci giocheremo le nostre carte”.

Andrea Dovizioso ha concluso il GP di Gran Bretagna al sesto posto, l’unico pilota del Team arrivato al traguardo dopo la caduta di Andrea Iannone e primo su Ducati. Per ‘Desmo Dovi’, natio di Forlimpopoli, Misano è il tracciato domestico e, con il pieno di fiducia, è pronto alla miglior prova già dalle prime libere. “Sarà una gara importante per noi e per me, qui ho corso la mia prima gara”, commenta il numero 4 che l’anno scorso chiuse il GP della Rivera di Rimini all’ottavo posto. “Poche settimane fa a Misano abbiamo fatto i test ma senza avere i riferimenti con gli avversari. Dovremo lavorare sulla gomme nuove e dare il massimo”, Termina, “Le prove private fatte con il tempo favorevole potrebbero essere un vantaggio, non grande, ma un leggero vantaggio in vista del GP”.

Il vincitore dell’ultimo gara, Maverick Viñales, parla della sua prova e delle celebrazioni successive: “Non ho avuto la possibilità di festeggiare molto, ho iniziato a pensare subito su questa gara”, dice il pilota Suzuki che a Silverstone ha fatto sua la sua prima gara della classe regina dando alla Casa nipponica quel successo in un GP atteso per nove anni. Prosegue commentando la sua prova adriatica del 2015, chiusa al quattordicesimo posto: “L’anno scorso è stata una gara non facile, ma nel frattempo la nostra moto è migliorata ancora. La mia vittoria inglese è stata la nostra vittoria, e lavoreremo sodo per fare del nostro meglio anche qui”.

Altro protagonista assoluto di questi ultimi GP della stagione è stato Cal Crutchlow. Il pilota satellite Honda oltre ad aver vinto la gara di Brno è arrivato secondo in Inghilterra. Il numero 35 è stato autore del più grande recupero in classifica della stagione, accumulando 66 punti in tre gare e ora è pronto per continuare con le ottime prove. “Sono contento di essere a Misano”, dice. “Se faremo ancora una bella prestazione non potrò che essere felice. Tenteremo di essere al meglio su una pista non facile per noi”, termina. “Da domani mattina vedremo come potrà essere il nostro fine settimana”.

Come ogni anno nel mercoledì di apertura GP alcuni piloti del MotoGP™ sono stati protagonisti della Sputleda58. La gara di go-kart in ricordo di Marco Simoncelli e organizzata dalla fondazione che porta il nome del corridore italiano.

Fonte: motogp.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5925 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.