5 dicembre 2016

Ecco le migliori sagre del weekend fra tartufi, fagioli e peperoncini

A Sant’Agostino, quando cala il sipario sul mese di agosto, “entra in scena il trionfo dei nostri sapori”: è con questo motto che, fino al 12 settembre, la città in provincia di Ferrara chiama a raccolta tutti gli amanti del tartufo nella suggestiva cornice del bosco della Panfilia. Il paese, d’altronde, fa parte dal 2009 dell’Associazione Nazionale Città del Tartufo: un legame antico e profondo che affonda le sue radici nell’origine alluvionale dei terreni e nella presenza di essenze arboree adatte alla sua crescita. E così alla Sagra dedicata al pregiato tubero, giunta alla 37esima edizione, sarà possibile gustare fantasia di antipasti al tartufo e sformato di zucca o di spinaci al tartufo, tortellini, tagliolini, crespelle e lasagne al tartufo, tagliata, cotoletta, faraona e uova col tartufo; e non mancheranno nemmeno i piatti tipici della tradizione locale come i tagliolini al ragù, i tortellini in brodo, la faraona al cartoccio e la torta di tagliatelle.

Sarà festa anche a Sutri, lo splendido borgo della provincia di Viterbo che celebra uno dei suoi prodotti di punta, i fagioli “regina”. Il 10 e l’11 settembre tra musica dal vivo, bande e spettacoli vari folcloristici sarà possibile gustare questa varietà di legumi che appartiene alla famiglia dei borlotti conditi con un filo d’olio della Tuscia ma anche con salsicce, cotiche, gnocchetti e insalata nelle tipiche ciotole di terracotta, insieme a specialità alla brace e a un buon bicchiere di vino. Leggenda vuole che Carlo Magno, dopo aver mangiato troppo alla corte papale durante i festeggiamenti per la sua incoronazione ad imperatore, venne colpito da un attacco di gotta nel territorio di Sutri e guarito con questi fagioli. Di certo questo prodotto è fortemente radicato nel territorio almeno dal 700’: l’acidità dei terreni della zona, l’elevata umidità dell’aria e le temperature basse tipiche delle piccole valli dove viene coltivato, danno vita a una varietà dal gusto unico e dalla buccia che si mantiene particolarmente tenera dopo la cottura.

Riscendendo la Penisola fino alla Calabria, ecco un altro imperdibile appuntamento con una materia prima antica e legata a doppio filo al territorio nel quale viene coltivata sin dalla notte dei tempi: fino all’11 settembre il Peperoncino Festival trasformerà Diamante in un tripudio di suoni, profumi e sapori. Nella nota località balneare in provincia di Cosenza si potranno conoscere le molteplici applicazioni in campo culinario della spezia più apprezzata al mondo, ma non solo: la manifestazione punta ogni anno a sondare, in senso figurato, arte e satira, attraverso la peculiarità di un prodotto   capace di solleticare ed eccitare tutti i sensi. Tutto, insomma, sarà ispirato al concetto di “piccante” non solo nel gusto in tavola, ma anche nel significato metaforico di “trasgressivo”, “erotico”, “divertente” e “fuori dall’ordinario”.

a cura di www.fuoriporta.org