3 dicembre 2016

Monterotondo, via libera a domande di adeguamento contrattuale e di nuovi allacci in fogna per 1500 utenze

Si sblocca finalmente l’impasse della recettività del depuratore Scoppio. Come comunicato dalla Direzione di Acea-Ato2, è infatti nuovamente possibile presentare domande di adeguamento contrattuale e di nuovi allacci in fogna fino ad un limite iniziale di 1500 utenze.

Come precisato dall’azienda, non esistono liste di priorità in base a richieste più o meno datate. Le domande, pertanto, dovranno essere ripresentate ex-novo anche da coloro, privati cittadini o imprese, che avevano a suo tempo avanzato istanze fin qui inevase per le note, annose problematiche ostative.

Si tratta di un primo, decisivo step verso l’ottimizzazione dell’operatività dell’impianto, reso possibile dalla conclusione della fase d’adeguamento tecnico relativa all’attivazione di una quinta cella di depurazione. Proseguono, intanto, gli interventi di adeguamento dei collettori che affluiscono al depuratore, a conclusione dei quali l’impianto garantirà la piena copertura delle esigenze previste dalla Variante al Piano regolatore generale comunale, per un totale di 5/6000 variazioni contrattuali e/o allacci di nuove utenze.

«Dopo l’adeguamento del Semblera, completato da Acea a fine 2013 – afferma il sindaco Alessandristanno trovando soluzione anche le problematiche del depuratore Scoppio. Possiamo perciò dire che la città è ora dotata di due impianti di depurazione moderni e perfettamente efficienti».