3 dicembre 2016

Mv Agusta: il Turismo Veloce della Dotoli

La Turismo Veloce è la prima moto turistica della Mv Agusta e non poteva essere una moto banale, come tutte le altre. Rappresenta un modo elegante, esclusivo ed affascinante di vivere quotidianamente la passione per le due ruote e gli spostamenti, brevi o lunghi che siano. Insomma come ogni Mv Agusta, la Turismo Veloce non è affatto banale ma è una continua esaltazione emozionale visiva e dinamica.

Grazie alla Dotoli, concessionaria ufficiale di Napoli del marchio di Varese, ci siamo deliziati per le strade vesuviane in sella a questa superba due ruote. Le linee ricalcano in pieno lo stile Mv; l’estetica è un sapiente mix di tradizione e innovazione, con una cura per i dettagli a dir poco maniacale. Il 3 cilindri è piccolo e compatto; dotato di albero motore controrotante, eroga 110 cv a 10.000 giri e 83 Nm a 8.000.

E’ possibile scegliere tra 4 differenti mappe motore. Il telaio è un traliccio in tubi di acciaio con piastre laterali in lega d’alluminio. Le sospensioni a controllo elettronico della Sachs consentono di regolare in tempo reale l’idraulica della forcella e del mono; è possibile scegliere 4 differenti regolazioni predefinite, a seconda che si è in sella da soli, in coppia ed in coppia con i bagagli. Infine si può attraverso il proprio smartphone, agire separatamente in compressione ed estensione. Il Traction Control è tarabile su 8 livelli.

I freni sono griffati Brembo; all’anteriore troviamo una coppia di dischi da 320 mm con pinze a 4 pistoncini ad attacco radiale mentre al posteriore lavora un disco da 220 mm. L’ABS è dotato del Rear Wheel Lift Up Mitigation. La strumentazione offre un gran numero di informazioni con la possibilità di connettersi con 9 apparecchi esterni; il cruise control è modulabile sul display.

La sella, ben imbottita, regala una seduta comoda; nonostante l’altezza da terra sia di 850 mm, grazie ai fianchi stretti, anche i meno alti possono guidarla senza essere dei ginnasti. Nel traffico napoletano si sfila rapidi e le sospensioni filtrano le asperità in maniera più che discreta; l’unico neo è la catalizzazione degli sguardi di quasi tutti, perché la Turismo Veloce è semplicemente meravigliosa.

Il motore risponde lesto al minimo tocco d’acceleratore e dai 2.500 giri riprende senza strappi. Sorprende essere alla guida di una Mv “comodosa”….In tangenziale ed in autostrada la protezione dal vento, se si ha la pazienza di non superare i limiti di velocità, è buona. Sì, perché il motore è sorprendente ed invita ad osare…..sempre di più….. Superati i 7.000 giri si entra nell’iperspazio….l’allungo fino al taglio del limitatore è sinfonia sublime all’orecchio, scarica di adrenalina alla schiena, ritiro di patente se c’è una pattuglia in agguato…..Le curve delle strade extraurbane, specie quelle di montagna, esaltano le doti ciclistiche della Turismo Veloce; i cambi di direzione sono fulminei e si ha sempre la sensazione di essere padroni della situazione. La Turismo Veloce, per concludere, è una eccezionale moto, votata al turismo sportivo, in grado di portarvi ovunque e di regalarvi il sorriso sia tra un passo alpino sia tra i cordoli di un tracciato.

Alla Dotoli di Agnano-Napoli, Via Pisciarelli n°69,  è possibile scoprire di persona il suo carattere e le offerte in programma.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5928 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.