10 dicembre 2016

Pietre “preziose”

La pietra è stato il primo oggetto con cui l’uomo ha provato a migliorare la sua condizione. Con essa ha delimitato un focolare, sbarrato una caverna, stabilito cosa era dentro e cosa fuori rispetto a quello che chiamava casa e rifugio. Il confine tra sicurezza e pericolo passava attraverso le pietre e l’abilità con cui le aveva sistemate.
Difficile chiamare casa un ammasso di macerie eppure sono convinta che, dall’alto, molti riuscirebbero ad individuare fra tante pietre le proprie. Per quel senso di appartenenza che ci fa riconoscere ciò che è nostro fra cose che si somigliano.

Alcuni fotogrammi colpiscono in quella desolazione che si è abbattuta improvvisamente su paesi antichi e ricchi  di storia. Una finestra che penzola nel vuoto con i vetri stranamente intatti. La porta attaccata alla parete solo per metà, rimasta chiusa a custodire non si sa cosa. Un cancello, probabilmente ridipinto da poco, con l’erba rampicante e i vasi da fiori, non quelli del giardino, quelli venuti giù dall’ultimo piano, insieme al tetto.

Tanto si è scritto e detto sul terremoto del 24 agosto, che ha trasformato  in un incubo  giorni dedicati al ritrovarsi  e  al festeggiare. Lasciate città caotiche e tecnologiche, dove la vita normale è non potersi fermare mai, arrampicarsi fino a borghi dove la vita è semplice, talvolta  ancora scomoda. In cerca  di cosa? Di quel senso di cordialità spontanea che ci manca. Mangiare  insieme all’aperto, tirare tardi in piazza, stringersi sulle spalle il maglione con una punta di compiacimento.

Le pietre  non sono solo pietre se scandiscono la vita, se vengono prese come punti di riferimento per appuntamenti e  incontri da generazioni. Le pietre dei luoghi pubblici, dei monumenti, delle chiese, sono il segno che le persone lì formano una comunità.  Il fascino dei borghi è  nel senso di condivisione che si respira.  Si può dire che è l’aria buona  o il cibo genuino, il segreto è camminare fra pietre che proteggono pure se inanimate.  Perderle, vedere lesionati monumenti o opere d’arte è un danno grave, gravissimo.Oltre che pietre sono frammenti di esistenze collettive che vengono sbriciolate. Rituali, ricorrenze, feste che dovranno svolgersi altrove e ce lo auguriamo  che riprendano.

Per tornare alle opere d’arte il MIBACT, il ministero delle attività culturali, ha fatto una prima stima  degli interventi urgenti e siamo già a 1534. Si parla di monumenti a rischio crollo o gravemente danneggiati. Un patrimonio che rischia di essere depauperato insieme all’identità dei luoghi che li ospitano. Le pietre non sono solo pietre se fra esse  si svolge la quotidianità e se il terremoto è un evento naturale, ovvero ancora imprevedibile, ricostruire è  lavoro dell’uomo. Un occhio speciale allora, insieme a  migliaia di  emergenze, per queste vecchie pietre.

Non diamanti, non smeraldi  o brillanti. A pieno titolo però “pietre preziose”!

Fonte fotografica: panorama.it