11 dicembre 2016

Piacere Ettore Scola, dal 16 settembre all’8 gennaio a Villa Borghese

Dal 16 settembre all’ 8 gennaio 2017, al Museo Carlo Bilotti di Roma, la mostra “Piacere, Ettore Scola” celebrerà per la prima volta, a pochi mesi dalla scomparsa, il genio creativo di uno dei protagonisti indiscussi del cinema italiano.
Prodotta da Show Eventi, grazie all’impegno del project manager Leopoldo Chizoniti, in collaborazione con CityFest – il programma di eventi culturali della Fondazione Cinema per Roma presieduta da Piera Detassis – la mostra, a cura di Marco Dionisi e Nevio De Pascalis, con la media partnership del mensile Ciak, racconta la vita professionale e privata del grande cineasta italiano: dall’infanzia a Trevico, paese di origine, sino all’ultimo film “Che strano chiamarsi Federico” (2013), omaggio all’amico e collega Fellini.
Fotografie, disegni, oggetti di scena, carteggi e video ricostruiscono il percorso artistico e la vicenda umana di Scola, «un professionista eclettico, complesso, acuto e amaro osservatore del costume nazionale» come ricordano i due curatori.
Ben nove le sezioni della mostra, suddivise in due parti: una cronologica e una tematica. Il percorso espositivo, infatti, prende le mosse dagli anni dell’infanzia e della formazione a Trevico e nel quartiere Esquilino di Roma, passando poi per gli anni giovanili in cui Scola fu prima vignettista del settimanale umoristico “Marc’Aurelio” e collaboratore ai testi di varietà sia radiofonici che televisivi in Rai, oltre che sceneggiatore di film comici insieme con Metz e Marchesi e in coppia con Ruggero Maccari, sino all’approdo al cinema d’autore con Pietrangeli e Risi. Si arriva così agli anni della regia, dal 1964, con l’esordio in “Se permettete parliamo di donne” a “Che strano chiamarsi Federico”.
La parte tematica della mostra, invece, analizza dapprima il rapporto con attori e collaboratori,ricostruisce l’impegno civile e politico di Scola, rende omaggio alla sua Roma, alla passione per il teatro e il disegno (filo conduttore dell’esposizione).

“Piacere, Ettore Scola”: IL LIBRO
Il primo volume monografico sul regista edito da Edizioni Sabinae, con prefazioni di Silvia Scola, Walter Veltroni, Jean Gili e Piera Detassis. All’interno, testi dei curatori, fotografie e testimonianze raccontano tutte le tappe professionali e private della vita del regista ripercorrendo, passo dopo passo, il percorso della mostra. All’interno del volume sono inoltre presenti, tra gli altri, le introduzioni ai capitoli di Delfina Metz, Enrico Vanzina, Marco Risi, Paolo Pietrangeli, Giuliano Montaldo, Diego Novelli, Gian Luigi Rondi, Ezio Di Monte, Luciano Ricceri, Giovanna Ralli, Odette Nicoletti e Sergio Staino

About Samantha Lombardi 4035 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it