9 dicembre 2016

MotoGp, Silverstone 2016: la pagella del Dicos

MAVERICK VINALES 10: Il tracciato di Silverstone è per l’asso di Figueres il palcoscenico della prima vittoria nella massima serie. Al secondo via gli è bastato un giro per portarsi al comando ed iniziare la cavalcata trionfale. La Gsv-R, grazie al suo talento, danza meravigliosamente tra le curve inglesi e nessuno è stato in grado di infastidirlo; in pratica la sua è stata una prova da “Un uomo solo al comando”. Successo che riporta la Suzuki sul gradino più alto del podio dopo ben 9 stagioni, mentre salgono a 7 i piloti che questa stagione hanno avuto modo di salutare tutti dal gradino più alto. Bravo!

 

 

CAL CRUTCHLOW 9: L’alfiere del LCR Honda Team ha una voglia matta di fare bella figura davanti al suo pubblico e getta il cuore oltre l’ostacolo, anche quando tutto sembra perduto. A 7 tornate dal traguardo subisce l’azione di Marquez ed è quinto. Cal, però, è uno di quelli che non conosce la parola “accontentarsi” e a meno 2 giri è a giocarsi la piazza d’onore con il leader del mondiale. La sua resistenza costringe Marquez all’errore e così porta a pochi passi da casa un bel risultato; primo dei privati, dietro il marziano della domenica. Good!!!

 

VALENTINO ROSSI 7: Bravo nel non commettere errori, bravo ad essere il pilota Yamaha più veloce, bravo nel saper indirizzare a suo favore gli errori degli altri, soprattutto bravo nel rianimare l’umore di alcuni giornalisti che altrimenti sarebbe stato come il cielo inglese: grigio. Ingaggia con Iannone e Marquez duelli gagliardi e maschi mentre nel finale è un pochino in calo. Lo aiutano gli errori del ducatista e dell’hondista ufficiale ed al traguardo festeggia come se avesse vinto. Dopo la bandiera a scacchi dice che ha vinto la scommessa della “K” sul davanti; non è la prima volta che fa sue scommesse simili. I 3 punti rosicati al leader sono in ottica campionato un’ipoteca importante, credo, più per il secondo posto che per il titolo. Ottimo ed abbondante!

 

 

MARC MARQUEZ 6: La prestazione della sua Honda risente della foga che è a dir poco eccessiva. Marc è uno di quelli che se vede un avversario a portata di ruota, non si tira indietro. Effettivamente era più veloce di Crutchlow ma dopo una serie di piccoli errori, ne commette uno che lo fa scendere dal podio. E’ la prima volta quest’anno che sembra vittima della eccessiva voglia di fare. Sono convinto che avrà imparato già la lezione. Occhio!

 

DANI PEDROSA 6,5: Sembra essere ritornato nelle posizioni che più gli sono consone. Speriamo che non sia solo un sembra……

 

JORGE LORENZO SV: Non ipotizzo nulla quantomeno sospetto. Mi sento di dire, da osservatore esterno, che tante colpe il campione del mondo in carica non ha…..Suvvia!

 

SUZUKI: Grande maneggevolezza, bella ciclistica. Quasi il top…

 

HONDA: Una moto privata è finita di nuovo davanti a quelle ufficiali. Non è il top….

 

YAMAHA: Il top che toppa….

 

DUCATI: Il top il cui pilota aritoppa…..

 

APRILIA: Nella top ten: è sufficiente?

 

GARA: Bella.

 

TAGLIO DI CHICANE: Vale tagliarle, ma non sempre….

 

L’INSEGUIMENTO: Ammetto d’essermi sintonizzato su Sky solo a 3 minuti dallo spegnimento del semaforo. In rete, però, c’è un video che sembra essere andato in onda 17 minuti dallo start. Irene Saderini recita: “Qui e ora nella nostra contea bisogna inseguire (nel frattempo c’è Rossi in slow motion)  fino alla fine….Magari sperando in un out (la Sederini con un gesto della mano sinistra scaccia una scritta Out con i colori dell’Union Jack)”…si sente una canzoncina delle Spice Girl e….(ho fatto fatica a crederci, tant’è che ho dovuto rivedere più volte il filmato….) si vedono Marquez e la sua Honda scivolare….. Ripeto non so se quanto c’è in rete sia andato o meno in onda. Se è così, credo, che abbiamo assistito ad un odioso nonché antisportivo modo di fare giornalismo (se giornalismo si può chiamare l’augurare la caduta ad un avversario del proprio beniamino). La Saderini dovrebbe sapere che una scivolata oltre che a portare danni alla classifica può essere foriera di dolore. Dolore che non sempre si traduce in sofferenze fisiche; può essere letale! Che razza di modo è questo di fare cronaca motociclistica? Davvero fanno? Guido Meda dov’è? Da direttore, cosa intende fare? Avalla quanto andato in onda o prende le distanze (se si, come?)? L’editore Sky, poi, è sulla linea di quanto visto nel video? Spero che sia un video montaggio di cattivo gusto, altrimenti…..

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5989 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.