6 dicembre 2016

Fiumicino, “Ho ereditato un terreno!” Una volta era una fortuna…

Di solito avere dei terreni lasciati in eredità è sempre una gran fortuna. È chiaro che la fortuna aumenta anche in base alla destinazione d’uso di tali appezzamenti, va bene se è agricolo ma ancora meglio se è edificabile.

La realtà a volte gioca invece brutti scherzi,  su Fiumicino, per esempio, è differente a causa dell’ormai famoso piano particolareggiato B4A che prevede che per alcuni terreni edificabili situate in zone particolarmente sensibili per il pericolo allagamento sia inibita la possibilità di costruire. Vista così sembrerebbe che almeno per una volta il controllo abbia agito in maniera concreta impedendo che  vengano costruite case che possano essere “pericolose” in particolari situazioni, ma la realtà ancora una volta sfugge a prima vista.

Prendiamo, per esempio, il pagamento dell’IMU, purtroppo ai proprietari di questi sventurati terreni le tasse da pagare sono da “terreno edificabile” e non da “terreno che non si sa cosa ci devo fare” un esborso di soldi che grava enormemente sulle famiglie perché, diciamolo, qui non si parla di grandi imprenditori del mattone che hanno migliaia di ettari, ma cittadini che si sono ritrovati l’eredità dei loro padri che fino a 25 anni fa coltivavano proprio quella stessa terra e che oggi chiedono di costruire due villette per i figli.

Inoltre da questo discorso di base nasce una domanda: perché le case costruite anni e anni fa di fianco ai “terreni B4A” non sono mai state oggetto di verifica da parte degli enti preposti per quanto riguarda la pericolosità in caso di alluvione? In questi giorni se ne parla tanto dopo il terremoto che ha colpito Amatrice, le case non erano costruite con criteri antisismici, da li centinaia di vittime. Quindi possiamo dedurre che se una casa non è costruita con criteri anti alluvione sia di fatto irregolare?

Il sindaco Esterino Montino durante un intervento a “Mi manda Rai Tre” ha discusso proprio sul pagamento dell’IMU di tali appezzamenti ribadendo che non è possibile eliminare la tassa perché la legge nazionale non lo prevede, sottolineando il fatto che il comune da tre anni sta portando avanti un’operazione di sconto e che alla fine dell’estate partiranno i lavori per la realizzazione dell’argine a Fiumara Grande.

Ma nel frattempo il cittadino continua a pagare, la rata di giugno c’è stata, a breve arriverà quella di ottobre, e lo stesso incontro di giugno tra l’assessore Refrigeri e il direttore Lasagna non ha lasciato soddisfatti i cittadini  che fanno sentire la loro voce in una nota che ha rilasciato il Comitato Spontaneo Isola Sacra:

Dopo l’incontro di giugno con l’assessore Refrigeri e il direttore Lasagna che avevano specificato davanti a trecento persone ed associazioni del territorio che a breve sarebbero partiti i lavori di messa in Sicurezza dell’argine e che il famigerato decreto 42 dell’Abtevere era depotenziato in quanto necessitavano approfondimenti, scopriamo con stupore che erano solo parole al vento poiché,  non solo i lavori di messa in sicurezza non sono partiti ma in virtù di un decreto 42 che ad oggi ancora non definisce nuovi vincoli, la Regione Lazio, nella figura del suo direttore e dei suoi dirigenti, sospende, in maniera illegittima, anche in virtù dell’art. 2 della legge 241, i procedimenti e gli iter autorizzativi dei piani di lottizzazione e dei piani particolareggiati.

La Regione Lazio continua ad essere non solo latitante, ma anche ad ostacolare il legittimo e necessario sviluppo del nostro territorio. Non solo non affrontando i problemi di sicurezza lasciando 40.000 persone sotto “grave rischio di incolumità pubblica” (affermazioni dei loro dirigenti) ma blocca con subdoli procedimenti iper burocratici al limite dell’inadempienza di legge la legittima aspirazione di crescita della nostra comunità.

Non solo, viene a raccontarci che tutto va bene, quando poi nei fatti invece agiscono in tutt’altra direzione. Più di un mese fa avevamo scritto al Presidente della Regione Lazio ed al Commissario del Consorzio di bonifica chiedendo lumi ed azioni efficaci per la messa in sicurezza del territorio. Ad oggi constatiamo che nulla si è fatto e che invece si agisce con l’unico scopo di tenere sotto scacco della burocrazia regionale un intero territorio.

Sarà scontato e ripetitio ma è inevitabile chiudere con un secco e sempre attuale “… e io pago!”

About Emanuele Bompadre 8231 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.