6 dicembre 2016

Fiumicino, aria di grandi manovre alla “manutenzione mezzi aeroportuali” di Simav, ex Aeroporti di Roma

Lo stato di grave crisi e la spada di Damocle dei licenziamenti sono ancora di attualità, ma, a seguito dei negoziati con le RSU avvenuti ad agosto, nei primi giorni di settembre è partita la prima fase della cosiddetta “riorganizzazione”.
Nello specifico si prende atto che “gli scenari delle attività erogate a livello aeroportuale sono in fase di evoluzione”, in particolare il servizio di “Pronto Intervento Pista” cambia nome e diventa “Assistenza Tecnica Pista”con turnazione h24 e 7 giorni su 7.
In aggiunta all’ organico vengono previste ulteriori unità che si avvicenderanno in un sistema di “job rotation” e con un sistema di reperibilità da definire.
Per ridurre i costi, ai quattro impiegati Responsabili in Turno del vecchio pronto intervento viene richiesto il sacrificio del “demansionamento” (anche se quando vennero ceduti da Aeroporti di Roma nel 2012 firmarono un verbale di conciliazione in cui si garantiva il mantenimento del ruolo e della mansione), in pratica andranno a fare i Tecnici/Operai durante gli interventi.
Viene prevista la possibilità per chi è prossimo alla pensione di richiedere incentivi all’ azienda per uscire in anticipo dal ciclo produttivo.
Verrà inoltre ridistribuito l’organico per cercare di salvaguardare i livelli occupazionali e migliorare l’operatività, anche per il servizio ETV a Cargo City  (Elevator Transfer Vehicle) che viene svolto per Aeroporti di Roma ci saranno cambiamenti.
 
E’ previsto anche il passaggio ad 8 ore per il personale che oggi ne fà 6.
 
Sul fronte dei contratti si registrano due novità, a Ciampino viene acquisita la manutenzione dei mezzi di Aviation Services, mentre a Fiumicino è stato firmato il contratto per la fornitura ad Aeroporti di Roma del servizio di pronto intervento pista (ATP) verso terzi. Il gestore aeroportuale torna cosi, dopo circa 4 anni a garantire questo importante servizio necessario per assicurare allo scalo un efficiente intervento in caso di incidenti e/o guasti ai mezzi degli handler che possono compromettere l’operatività e la sicurezza di aree aeroportuali.
 
Due piccole boccate d’ossigeno che, tuttavia, non bastano per scacciare la crisi e garantire la piena occupazione a tutti i lavoratori.
 
A fine settembre è previsto un incontro per verificare l’andamento della ristrutturazione, mentre a livello nazionale il 19 settembre è previsto il tavolo Azienda/Sindacati per discutere di taglio del salario e di esuberi.
 
Giovanni Oliverio
 
Fim-Cisl
Componente del direttivo Regionale del Lazio