3 dicembre 2016

Il ritorno di Luthi, primo in Gran Bretagna

Thomas Luthi rientra dopo l’incidente di Brno e vince. Il pilota del team Garage Plus è primo al GP di Gran Bretagna davanti ad un competitivo Franco Morbidelli, Estrella Galicia 0,0 e a Takaaki Nakagami, Idemitsu Honda. La sfida Lowes – Zarco si conclude in favore del francese che però subisce una penalità per aver causato la caduta dell’avversario e vede il ritorno in classifica iridata di Alex Rins, Paginas Amarillas HP 40, interprete di una prova sofferta e chiusa al settimo posto.

La gara inglese si apre con condizioni climatiche favorevoli, la pioggia che ha avvolto il circuito del Northamptonshire incidendo sulle libere e sulle qualifiche della Moto2™ non sembra una minaccia concreta anche se pesanti nubi circondano la pista. Il migliore del warm up è stato Lowes. Il portacolori del team Gresini è fino ad ora l’assoluto protagonista fino davanti al suo pubblico, dominando le libere e le qualifiche. Il numero 22 partirà al palo ma la gara finirà tra la rabbia e la delusione.

In prima fila il terzo in classifica iridata è affiancato dal leader della classe: Johann Zarco della scuderia Ajo Motorsport e autore del terzo tempo in qualifica è stato Jonas Folger, Dynavolt Intact GP. Franco Morbidelli, più avanzato degli italiani sulla griglia di partenza a chiudere la prima fila è stato autore del terzo tempo nelle prove della mattina mentre è da segnalare la grande difficoltà incontrata in questo GP da Alex Rins e secondo in classifica iridata, che afflitto dai postumi di un recente infortunio in allenamento partirà arretrato in settima fila.

Le condizioni climatiche hanno contribuito in modo determinate alla scelta della gomme, la pista che sembrava asciugarsi nelle prove della mattinata è nuovamente battuta da una leggera pioggia e la temperatura fatica ad aumentare e i quasi tutti i corridori scommettono su Dunlop da asciutto a mescola media.  Si spegna il semaforo e Folger è davanti, seguono Lowes e Zarco. Cade nel primo giro Isac Viñales alla curva nove, per il pilota Tech3 e fratello minore di Maverick la gara è finita. I migliori italiani sono Morbidelli e Simone Corsi, Speed Up Racing, settimo e ottavo quando dopo un giro il britannico del team Gresini ha la meglio su Folger.

Protagonista di un’ottima partenza è Hafizh Syahrin del team Petronas che dalla quinta piazza è ora quarto mentre Morbidelli sale al sesto posto dopo due giri mentre Lorenzo Baldassarri e Luca Marini, Forward Team, sono decimo e quattordicesimo davanti a Mattia Pasini, pilota Italtrans, al quindicesimo posto. Il romano di Estrella Gallicia 0,0 studia l’attacco a Marquez, il compagno di box, avendone le meglio dopo quattro giri. Folger scivola in quinta posizione e Morbidelli sale al terzo posto quando Lowes allunga su Zarco. A meno 14 giri dalla fine il fratello minore del pilota HRC scivola alla curva 14.

Dopo sei giri Morbidelli non riesce a tenere il passo dei primi e subisce l’attacco di Tom Luthi, nuovo terzo che con un grande ritmo ha la meglio anche sul campione del mondo in carica e nel giro di due curve diventa il nuovo leader della gara dopo la battuta d’arresto di Lowes. A pochi giorni dalla paurosa caduta a Brno l’elvetico sembra tornato in piena forma. Le difficoltà per il pilota di casa continuano ed è superato anche da Morbidelli ma presto torna a segnare i migliori tempi. Prova a reagire e con l’italiano dà vita ad un duello per la terza piazza, raggiunta al nono giro.

A otto passaggi dalla fine al comando c’è sempre Luthi seguito da Zarco e da Lowes; leggermente staccato Morbidelli che ora deve difendersi dall’attacco di Syahrin. Poi Takaaki Nakagami della scuderia Idemitsu Honda e Folger.

La corsa non ha particolari sussulti fino alla fine e quando mancano cinque giri al termina davanti a tutti c’è sempre lo svizzero del team Garage Plus ma insidiato da Zarco e da Lowes decisi a vincere mentre il secondo in classifica, Alex Rins, è decimo e finirà la gara fuori dalla top ten. Morbidelli è impegnato in un nuovo duello e chiude le traiettorie all’arrembante Nakagami mentre Lowes prova ad avere la meglio su Zarco i due arrivano a contatto e, carenatura contro carenatura alla sedicesima curva, il britannico ha la peggio e cade mentre Zarco perde posizioni e prova a risalire.

Luthi è sempre primo e ora gode di un leggero vantaggio mentre Morbidelli deve cedere la piazza d’onore al definitivo attacco di Nakagami non subisce il ritorno di Syahrin e riattacca mettendosi davanti al pilota Honda. L’elvetico taglia il traguardo con dieci metro di vantaggio sul pilota di Roma. Nakagami. Mentre Zarco taglia il traguardo come sesto ma subisce una penalità di trenta secondi in seconda piazza, a causa dell’entrata dura su Lowes.

Dopo la vittoria in Qatar e il terzo posto in Francia, Luthi torna nelle posizioni che contano sul gradino più alto del podio.

Morbidelli sale sul podio per la terza volta nella stagione mentre per Rins, che chiude al settimo posto un fine settimana difficile, sono nove lunghezze fondamentali in campionato.

Fonte: motogp.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5930 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.