9 dicembre 2016

Assolo di Viñales, è vittoria Silverstone

Il GP di Gran Bretagna, classe MotoGP™ va a Maverick Viñales che riporta Suzuki sul gradino più alto del podio dopo nove anni. La gara del pilota catalano è una cavalcata in solitaria fino alla bandiera a scacchi conclusa con oltre tre secondi di vantaggio su Cal Crutchlow, LCR Honda e su Valentino Rossi, Movistar Yamaha. Marc Marquez pilota HRC è giù dal podio mentre Jorge Lorenzo è ottavo. Migliore del Ducati Tema è Andrea Dovizioso, sesto con Andrea Iannone vittima di una scivolata. Paura per Loris Baz, portacolori Avintia Racing coinvolto in un incidente con Pol Espargaro, Monster Yamaha Tech3 dopo la partenza.

Condizioni di pista medie, cielo a tratti nuvoloso e fanno da cornice alla partenza della dodicesima gara della MotoGP™. Le precipitazioni hanno caratterizzato il sabato di qualifiche ma la mattinata di warm up sembrava lasciar prevedere una gara asciutta e così e stato. Ma il clima inglese è instabile e proprio durante le prove della mattinata le precipitazioni hanno fatto il loro ritorno sulla pista del Northamptonshire. Alcuni piloti hanno così provato le Michelin intermedie ma la maggior parte ha girato con le slick. Il migliore di questa sessione è stato è stato Yonny Hernandez, portacolori Pull&Bear Aspar Team.

In testa alla griglia di partenza c’è Cal Crutchlow. Nelle qualifiche il pilota LCR Honda ha messo a referto un giro super e si appresta diventare ancora il protagonista della massima cilindrata dopo la vittoria con rimonta a Brno. Continua a battere la strada del mitico Barry Sheene, ora penultimo vincitore britannico di un GP e penultimo autore di una pole nella gara di casa nel 1977. In seconda posizione Valentino Rossi, il Dottore nel warm up ha provato le mescole intermedie mentre a chiudere la prima fila Maverick Viñales, Suzuki Ecstar, tra i più veloci in condizioni di asciutto e confermerà questa previsione. Molto competitivo sulla pioggia Andrea Iannone, il portacolori del team Ducati, dopo essere stato uno dei protagonisti delle libere partirà al centro della terza fila e nella mattina è stato protagonista di una caduta. Vittima di un incidente, ma sabato, anche il suo compagno Andrea Dovizioso. Il forlivese è caduto durante la Q2 picchiando sull’asfalto il ginocchio già infortunato nei test provati di Misano settimana scorsa. Dovizioso scatterà dalla quarta fila ma le sue condizioni fisiche non solo al cento per cento.

Da segnalare l’esordi nella classe regina di Alex Lowes con la scuderia Monster Yamaha Tech3. Il pilota inglese è il fratello di Sam, corridore vincitore della gara nella categoria intermedia e protagonista del WorldSBK. Protagonista di una buona Q1, in sella alla M1 sostituirà Bradly Smith fuori per infortunio e ora scatterà dalla sesta posizione. La scelta di tutti i piloti è ricaduta sul gomme slick e la gara è battezzata come asciutta nonostante il cielo continui a restare plumbeo.

Si spegne il semaforo e Rossi parte bene scavalcando Crutchlow ma subisce il sorpasso di Viñales. Alla seconda curva incidente pauroso tra Pol Espargaro e Baz che impone la sospensione della gara dopo l’esposizione della bandiera rossa. I piloti entrano ai box. I due corridori restano a terra e sul tracciato entrano i sanitari con il francese che sembra aver avuto la peggio ma, perfettamente cosciente, viene trasportato al Centro Medico per ulteriori accertamenti. La gara riprenderà per 19 giri al posto che i venti da programma.

Dopo un secondo giro di allineamento riprende la gara con la stessa griglia di partenza del primo avvio. Allo spegnersi della luce rossa in testa c’è il britannico seguito dal Dottore. Dietro Viñales che ha la meglio sul numero 46 mentre Iannone in una sola staccata ha la meglio su tre piloti. Marquez supera Rossi e il numero 25 Ecstra si pone al comando della gara. Dovizioso è nono e Petrucci tredicesimo mentre Lorenzo è settimo. Il leader iridato da prova della sua ottima condizione e si mette all’inseguimento del connazionale dopo aver avuto la meglio sulla Honda satellite numero 35. Rossi resta quarto davanti a Iannone e Pedrosa. Cade Stefan Bradl, Aprilia Gresini, alla curva tre e Scott Redding, Octo Pramac, alla nove. Il pilota di casa sarà vittima di una seconda caduta.

Il passo del pilota Suzuki è alto e con gomma media davanti e media dietro potrebbe anche aumentare il vantaggio su Marquez con mescola morbida davanti.  La distanza tra i due è di circa 1.8 secondi dopo tre giri. Dietra Crutchlow, con le stessa scelta di penumatici di Viñales, segue da vicino il numero 93 HRC. Rossi ha montato sulla sua M1 le stesse Michelin e tiene il passo dei piloti davanti quando il pilota di Figueres sembra volare. Il Dottore prova l’attacco a Crutchlow e dopo la vigorosa resistenza del britannico ha la meglio. Ora è terzo e in pieno rettilineo sorpassa anche Marquez. Le due Ducati ufficiali sono al sesto e al settimo posto seguite a distanza da Lorenzo.

La lotta per la seconda posizione tra Rossi e Marquez continua mentre davanti Viñales è una freccia azzurra con oltre 2.5s sul gruppo di inseguitori e aumenta di giro in giro. Al nono passaggio Crutchlow approfitta dell’imbizzarrirsi della RC213V ufficiale e supera Marquez. Il pilota HRC deve poi cedere la posizione ad un arrembante Iannone. The Manica con due mescole morbide non sembra accusare per ora il consumo delle gomme e il passaggio successivo supera Crutchlow e Rossi. Quella del pilota di Vasto è un’altra gara da protagonista ma il Dottore non è domo e in staccata si impone sulla DesmosediciGP numero 29. Nella lotta per la seconda piazza entra anche il numero 35 LCR e sono scintille ma Valentino tiene la posizione mentre i due piloti HRC sono in agguato al quinto e sesto posto.

La bagarre per la seconda piazza avvantaggia sempre di più il pilota Ecstar che a meno sette giri dalla fine ha 4.4 secondi di vantaggio ed è sempre di più l’uomo solo al comando. In piazza d’onore temporanea c’è ora Iannone mentre Crutchlow si mette davanti a Rossi, poi Marquez, Pedrosa e Dovizioso. Iannone impegnato nella difendere la posizione dall’attacco di Crutchlow scivola alla curva 17 ed è ultimo. Ma le emozioni non sono finite e il duello Rossi-Marquez entra nel vivo e il numero 93 ha la meglio sul nove volte campione del mondo. I due rivali in campionato lottano per diversi passaggi avvantaggiando l’allungo del pilota LCR Honda che è subito ripreso da Marquez e i due portacolori della moto di Tokio danno vita all’ennesima battaglia di una corsa avvincente. Il pilota di Cervera però sbaglia, va lungo e perde posizioni e si accoda al compagno di box Dani Pedrosa.

Ultimo giro per Viñales che taglia il traguardo per primo con un vantaggio di 3.480s su Crutchlow. Rossi è terzo davanti a Marquez e a Pedrosa.  Gara di costanza per Dovizioso, costretto a stringere i denti dopo la caduta di sabato, è sesto mentre Petrucci nono.

Per Suzuki un altro giorno storico dopo il podio di Le Mans. L’ultima vittoria della moto di Hamamatsu risale al 2007 firmata da Chris Vermeulen.

Il numero 35 e LCR Honda continuano con la striscia positiva e dopo la vittoria a Brno sono sul podio per la terza volta in questa stagione.

Fonte: motogp.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5987 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.