8 dicembre 2016

Frosinone, vernissage della mostra di Giovanni Colacicchi: “Il disegno come progetto e come racconto”

Giovedì pomeriggio nei locali della villa comunale di Frosinone è stata inaugurata la mostra di Giovanni Colacicchi dal titolo “Il disegno come progetto e come racconto”. Sarà possibile visitare l’esposizione, che rientra nella rassegna “L’arte visiva contemporanea alla villa comunale di Frosinone” diretta da Alfio Borghese, fino al 10 settembre (secondo gli orari 10-13; 16-20). L’evento è patrocinato da Regione Lazio, Provincia e Comune di Frosinone. Lo stesso curatore, Borghese, salutando i numerosi visitatori intervenuti, ha spiegato che “gli spazi dedicati al disegno sono sempre più rari, perché è difficile esprimere sentimenti tramite un’immagine. Colacicchi, invece, rappresenta un esempio di come, nel 900, i pittori abbiano fatto tutto il possibile per portare avanti il buon disegno e anche il figurativismo, contro l’avanzare dell’astrattismo. Colacicchi è una figura importante per il nostro Paese, perché si è adoperato per sostenere la libertà e le ragioni della democrazia”. Borghese ha sottolineato, quindi, come sia possibile ammirare, nelle opere in mostra, l’armonia tra l’arte visiva e la musica (“Le sue danzatrici sono tra le più belle del 900 italiano”), e come Colacicchi abbia mostrato sempre una genuina affezione verso il paesaggio ciociaro, da lui più volte ritratto. È quindi intervenuta Rossella Testa, assessore alla promozione del territorio e al centro storico.

“Questo è uno dei momenti che rende orgogliosi di essere amministratori di questa città. Frosinone sta investendo molto nella cultura e i risultati si stanno vedendo, grazie anche al contributo di operatori, associazioni, appassionati, studiosi come Alfio Borghese”, il quale ha aggiunto: “Tre anni fa, in occasione della personale dedicata a Colacicchi, tentammo un esperimento: fu istituita una navetta per condurre i visitatori al palazzo della Provincia e alla cattedrale (che custodiscono, appunto, diverse opere dell’artista nato ad Anagni). Spero che la mostra venga prolungata per condurre qui le scuole ed, eventualmente, organizzare la navetta”. Ha preso poi la parola il figlio di Giovanni Colacicchi, Francesco. “È una mostra a cui tengo particolarmente. Il disegno illustra l’idea che porterà poi all’opera compiuta. A volte, da pochi segni è possibile cogliere cosa ha indotto l’artista a produrre quel particolare lavoro”, prendendo poi ad esempio l’opera che ritrae il “saltarello ciociaro”: “Trovo il disegno estremamente commovente. Del resto, i disegni erano gli strumenti di lavoro nelle antiche scuole d’arte”, ha aggiunto.

Gianpiero Fabrizi, assessore alla cultura, ha detto: “Porto i saluti del sindaco Nicola Ottaviani, che non è potuto intervenire a causa di impegni istituzionali precedentemente assunti. Ringrazio Francesco Colacicchi per aver reso possibile questa importante manifestazione in onore del padre; grazie ad Alfio Borghese, direttore della rassegna ‘L’arte visiva contemporanea alla villa comunale di Frosinone’ e a tutti i presenti. Capire cosa significhi il disegno per un pittore è estremamente utile per avvicinare le persone all’arte e capire le difficoltà e il procedimento usato dall’artista. Questa amministrazione sta cercando di dare la giusta e meritata considerazione ad artisti importanti legati alla nostra terra e che in passato non hanno ricevuto l’attenzione dovuta. Il nostro obiettivo è smentire il detto ‘nemo propheta in patria’”.

About Samantha Lombardi 4027 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it