6 dicembre 2016

Carpineto Romano, Festival di musica popolare: LepiniFolk Music Festival

Sabato 3 settembre, ore 22.00, presso Piazza Regina Margherita, ci sarà il festival di musica popolare “LepiniFolk Music”. L’evento, sotto la direzione artistica di Roberto Cacciotti e del gruppo musicale “Compagnia Popularia”, inizierà con l’esibizione del gruppo folk carpinetano i “Riturnè”.  A seguire suoneranno: Anna Cinzia Villani insieme all’Esamble Jònico Salentino ( Max Però, Claudio Merico e Remigio Furnault). “Un genere musicale, quello folk, che impreziosisce il vasto repertorio dei concerti di quest’estate” afferma l’Assessore alla Cultura, Noemi Campagna “Tra gli obbiettivi abbiamo quello di valorizzare la musica della cultura popolare e i gruppi folk del nostro territorio, che negli anni, durante i loro concerti, si sono esibiti con passione ed impegno.”

“Grazie alla presenza di Anna Cinzia Villani avremo l’occasione di ascoltare una delle voci più rappresentative del Salento” aggiunge il Sindaco di Carpineto Romano, Matteo Battisti “una presenza importante che si va ad aggiungere a tutti gli altri validi artisti che si sono esibiti, nel mese d’agosto, sopra i palchi di Carpineto.”

“Con il LepiniFolk Music Festival vogliamo focalizzare l’attenzione sulle tradizioni musical-popolari italiane. Quest’anno il tema della serata sarà: Il Lazio incontra la Puglia” conclude il direttore artistico, Roberto Cacciotti “Un appuntamento da non perdere per gli amanti della musica popolare e non solo. Da sottolineare anche lo scenario in cui si svolge: Piazza Regina Margherita è un ambiente coreografico tra i più suggestivi. Permette, infatti, di creare un’atmosfera che coinvolge a pieno gli spettatori che saranno presenti durante il Festival.” 

Anna Cinzia Villani è considerata “La voce del Salento”. Il suo percorso di ricerca, mosso da profondo interesse per la memoria sonora e corporea del proprio territorio, ha condizionato tutte le sue scelte artistiche, volte a divulgare e salvaguardare caratteristiche e sfumature che in un’epoca di appiattimento e omologazione culturale andrebbero certamente perdute.
Già negli anni ’90, mentre collaborava con gruppi storici come il Canzoniere Grecanico Salentino, incontrava abitualmente gli “alberi di canto”, quelle persone che se stimolate con la giusta dose di pazienza e amorevolezza possono trasmettere tradizione e capacità di improvvisazione del canto, del suono e del ballo. La Villani si è impadronita delle tecniche peculiari del canto e dell’intenzione che si cela dietro ai passi della Pizzica, che rende unici i suoi laboratori didattici in Italia e all’estero.
Dopo numerose collaborazioni discografiche esordisce nel 2008 con Ninnamorella (AnimaMundi/Afq), il suo primo lavoro da solista apprezzato dalla critica per la profondità dell’approccio. ” Lei ha una voce atavica, di impressionante potenza, di sconvolgente maturità, […] un tesoro svelato” scriveva Guido Festinese su Alias del 30 maggio 2009.
Il disco ha avuto ampio successo in Italia e all’estero ed e stato programmato da diverse radio nazionali (Radio Rai 3, Radio Popolare, Radio Onda d’Urto, etc.) e straniere (BBC Radio 3 –Inghilterra –, Radio Vancouver – Canada –, etc.).  Del marzo 2012 e invece l’album Fimmana, mare e focu! (AnimaMundi), selezionato dalla commissione di Puglia Sounds, in riferimento al bando regionale “Recording”, per essere supportato nell’attività di promozione.