10 dicembre 2016

Fertility Day: Lorenzin e figl’ so’ piezz ‘e cor’, e ccà nisciun è fess!

Il prossimo 22 settembre si terrà il “Fertility Day”, giornata dedicata alla salute sessuale e riproduttiva lanciata dal ministro Beatrice Lorenzin. Premesso che quando il governo utilizza un termine in inglese, inizio a preoccuparmi (mi viene in mente il Jobs Act), una volta guardate le cartoline e letti gli slogan alla preoccupazione si è aggiunta una arrabbiatura.

 

La beata Lorenzin, tra un taglio alla spesa ed uno alla prevenzione, ha cercato di fare un qualcosa di utile per il nostro paese. L’idea non sarebbe malvagia se l’orologio del tempo indicasse gli anni trenta del secolo scorso, anzi…..quel pulpito e quei slogan rappresentano, però, a mio parere, un’offesa troppo grande per chi donna o uomo, desidera metter su famiglia, crescere dei figli, ma…..

 

 

La Lorenzin fa capire che se oggi non hai un figlio sei uno sfigato; dimentica che spesso non avere dei figli è una scelta che si subisce perché forse il proprio lavoro è precario oppure non si hanno le risorse per sostenere le cure o le alternative alla propria infertilità. Per la Lorenzin un bimbo è una sorta di palloncino da gonfiare possibilmente in età giovane; le sfugge che una famiglia su due non è solida economicamente e che undici milioni di italiani non possono permettersi le cure mediche, figuriamoci un figlio.

 

 

Se la costituzione, come dice la ministra, tutela la procreazione cosciente e responsabile, come mai le istituzioni non tutelano i genitori che dovrebbero procreare, crescere ed educare i procreati con un welfare degno di uno stato civile?

 

 

La Beatrice invita a procreare in una società dove gli asili nido esistenti sono solo quelli privati ed il lavoro è un precario sottopagato sfruttamento a base di voucher condito da un pizzico di fregatura di un contratto a tutele crescenti a favore di chi delocalizza le imprese e dalla raccomandazione-questua necessaria per essere sodomizzati. Uno stato che mentre invita a creare famiglie, divide migliaia di insegnanti madri dai figli in nome di una scuola che di buono non ha neanche le strutture antisismiche.

 

 

“Uh che bello sono incinta! Tesoro andiamo a prenotare una ecografia morfologica, tanto tempo cinque anni ed entriamo in ambulatorio”. La Lorenzin è a conoscenza che oggi grazie allo schifo chiamato Jobs Act una donna appena ha un piccolo ritardo, il giorno dopo rischia di non doversi più presentare al lavoro? Mi quereli pure se ritiene che affermo il falso; nelle opportune sedi porterò come prove le consulenze che ho effettuato in qualità di avvocato a tante donne rimaste incinte ed umiliate negli ambienti di lavoro il giorno dopo che si è saputa la notizia.

 

 

La ministra sa che quando un figlio si ammala (se a casa non ci sono i nonni<in molti, tra Fornero e riformicchie varie, ancora devono andare in pensione>, bisogna prendere un giorno di ferie o di permesso), le spese farmaceutiche possono rappresentare una voce che rompe gli equilibri del bilancio mensile? Cara Lorenzin perché ignora che a causa delle inefficienze delle strutture che dirige, molti genitori, se non sono amici degli amici, devono rivolgersi ai privati per una visita specialistica? Il costo di queste visite? Ipotizziamo 2 visite al mese da 100 euro l’una; se lo stipendio è di 800 euro, significa che quel mese la Caritas avrà degli ospiti in più.

 

 

Che dire, poi, del tempo libero dai coloro che saranno procreati? Le spese per lo sport, la musica ed il cinema sono tutte in mano ai privati con detrazioni fiscali irrisorie. I figli vanno educati, giusto cara ministra? Ci dica che tempo avranno i genitori se a causa di servizi di trasporto pubblici inesistenti sono costretti a perdere ore nel traffico caotico di strade groviera, in auto i cui costi assicurativi sono una offensiva discriminazione per chi vive a sud di Roma?

 

 

Come ha scritto qualcuno, un figlio va ascoltato, bisogna giocarci, insomma un figlio va goduto. Ma tra il lavoro che non c’è, un’assistenza sanitaria indegna e le istituzioni assenti, può spiegarci come si riesce ad arrivare a godere per procreare? Per questo la sua trovata la reputo una grave mancanza di rispetto verso quei milioni di italiani che vorrebbero ma non possono.

 

 

Lei, cara ministra, ha però modo di farsi perdonare: il 22 invece di lanciare slogan simili a quelli del bugiardo di Rignano, si impegni in qualità di importante membro del governo affinché ci sia più lavoro degno d’essere chiamato tale e con le adeguate retribuzioni, ci siano più asili nido, vengano offerte maggiori garanzie a chi il lavoro non lo ha o l’ha perso, ci siano più mense scolastiche. Insomma ministro regali agli italiani maggiori sicurezze e meno disservizi.

 

Se non se la sente si faccia da parte; il tempo delle prese per i fondelli è finito. E figl’ so’ piezz ‘e cor’, e ccà nisciun è fess!

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5989 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.