10 dicembre 2016

Fertility Day, Giovanardi: “Demenziale quello che ha scritto Saviano”

 

Il Senatore Carlo Giovanardi è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

In merito alla campagna promossa dal Ministero della Salute sul Fertility Day. “Prendo atto con dispiacere che gli webeti sono sempre in azione –ha affermato Giovanardi. Tra questi ci metto anche Scanzi. Un conto è la critica ragionata, un conto è quello che ho letto sui siti. Ad esempio quello che ha scritto Saviano  è demenziale. Stiamo parlando di una questione specifica, cosa c’entrano l’occupazione e le questioni economiche? La campagna è partita in modo sbagliato, perché ha messo troppa carne al fuoco. Se la questione della fertilità è un problema sanitario è un conto, ma poi la campagna ha travalicato su una serie di altri argomenti. Il problema del calo demografico del nostro Paese, che è un problema sociale ma non sanitario, al limite poteva riguardare il ministero della famiglia. Aver messo nello stesso calderone tutti questi temi è stato un errore. La giornata della fertilità cos’è? Diventa una cosa talmente equivoca che può far nascere anche delle ironie”.

“Non è che l’importante è fare dei figli, fare figli è una cosa anche delicata –ha spiegato Giovanardi-. Che l’Italia stia morendo di crisi demografica è evidente. Verso il 2050 di questo passo gli italiani in Italia saranno una minoranza. Siamo l’ultimo Paese al mondo per natalità. Il dato economico non c’entra assolutamente nulla. I nostri bisnonni, nonni e padri facevano tanti figli anche se faticavano pure a comprargli le scarpe da mettergli ai piedi. Paesi molto più ricchi di noi e Paesi molto più poveri fanno molti più figli di noi. Noi ci contraddistinguiamo in Europa per il tasso più basso di natalità. Quando la gente dice: sono angosciato per l’immigrazione, c’è poco da essere angosciati. Le decine di milioni di italiani che vengono meno perché non si fanno figli saranno coperte dagli immigrati. La prima causa di estinzione degli italiani è che non nascono più gli italiani. In Germania dove sono avanti su queste politiche familiari, fanno comunque registrare un calo. Si deve spiegare ai giovani il senso del dovere, del sacrificio. Se non ci fosse la stragrande maggioranza della popolazione che vaccina i bambini, quei pochi che non si vaccinano possono farlo. Ci sono dei comportamenti individuali che possono essere tollerati e giusti è perché sono l’eccezione. Se tutte le donne dicessero il corpo è mio e lo gestisco io e decidessero di non fare più figli arriveremo all’estinzione del genere umano. La libertà di non fare i figli è dovuta al fatto che la maggioranza delle donne li fa. Se i giovani fossero educati a un sano egoismo, i figli li vorrebbero perché si accorgerebbero che nel corso della vita i figli servono. Renzi ha disconosciuto la campagna perché ha visto che è andata male, se fosse andata bene avrebbe detto che era farina del suo sacco”.

Fonte: Radio Cusano Campus