11 dicembre 2016

“Fertility Day”, “Fertility Village”, “Fertility Game”

Benvenuti al “Fertility Village” l’ingresso è riservato solo alle donne fertili ed agli uomini capaci di procreare. E che siano giovani!

Sono esclusi i perditempo.

Corpo fertile, corpo giovane, corpo di donna, corpo di uomo. Il non-luogo della bio-politica che perduta la dimensione spaziale volge le sue attenzioni al tempo. Inizio e fine. Governare il tempo della fertilità per indurre alla procreazione, richiamando l’emergenza della denatalità. Già l’emergenza! Noto strumento per legittimare lo stato d’eccezione attraverso cui lo Stato dispiega il suo potere di controllo sui corpi, decidendo quando si dovrà diventare genitori ed omettendo la possibilità di “farsi” la propria vita. Come se procreare fosse un atto generativo circoscrivibile solo all’efficienza fisiologica e non fosse condizionato da variabili sociali se ci riferiamo al welfare, e soggettive se consideriamo il diritto di autodeterminarsi in quanto soggetti.

Con queste premesse il Ministero della Salute, guidato da Beatrice Lorenzin, ha indetto per il 22 settembre 2016 il “Fertility Day”, giornata nazionale della fertilità.

Il lancio dell’evento è avvenuto con una campagna stampa fatta di immagini e slogan come “La bellezza non ha età la fertilità sì” che invitano le donne a non perdere tempo e a procreare.

Come se bastassero delle cartoline per invertire l’attuale tendenza demografica.

Invece ci troviamo davanti ad un problema politico che è uno dei sintomi della crisi della società italiana e che va analizzato, seriamente, evitando di ridurre il tema natalità solo ad una questione di costume. Sappiamo che la cifra sociale dell’Italia è la precarietà con tutte le conseguenze che ne derivano in caso di maternità come la paura di perdere il lavoro, una donna su quattro, dopo il parto, esce dal mondo del lavoro quasi sempre perché licenziata o perché precarie a cui non viene rinnovato il contratto; la mancanza di asili nido, dove solo un bambino su quattro riesce ad accedere; l’impossibilità, per le madri, di conciliare il tempo del lavoro con quello richiesto dalla famiglia; la mancanza di concessione da parte dei datori di lavoro del part-time.

Il problema natalità deve essere affrontato con un impegno da parte del governo a cambiare le politiche sociali di riduzione del welfare che hanno prodotto il taglio dei servizi essenziali per i cittadini. Invertendo questa tendenza le cicogne ritorneranno a posarsi sui campanili delle città italiane e i giovani, spensierati, giocheranno al ”Fertility Game”.