5 dicembre 2016

Brunetta: “Nomina Errani inaccettabile. Serve a ricostruire gli equilibri del PD.”

Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera, è intervenuto questa mattina ai microfoni di Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano, nel corso del format ECG, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio.

Sulla prima crisi attraversata dalla giunta Raggi, queste le parole di Brunetta: “La giunta Raggi ha iniziato male e sta proseguendo peggio. Governare stanca, governare è difficile, non ci si improvvisa. Il Movimento ha approfittato di questa fase politica, il risultato è stato un grande successo, è stato il primo partito in Italia nel 2013, solo che non è facile poi governare o amministrare. Lo abbiamo visto in tutte le amministrazioni dove hanno vinto le elezioni negli ultimi due anni. Crisi, scandali, interventi della magistratura. A Roma il Movimento non poteva che vincere, dopo però la classe dirigente del Movimento si è presentata subito come inadeguata, e l’abbiamo notato tutti, anche con un certo disappunto, anche perché dopo tanti disastri un minimo di disponibilità c’era anche nelle forze di opposizione. Le dimissioni del Capo di Gabinetto e del principale assessore sono pesantissime e da spiegare. I romani, tutti quei romani che hanno votato M5S ma anche gli altri, non meritano questo caos e questa confusione. Spero che la Raggi possa riprendere in mano la situazione per il bene di Roma, altre elezioni sarebbero tragiche per la città“.

Sulla nomina da parte di Renzi di Vasco Errani come commissario per la ricostruzione del centro Lazio: “Eravamo disponibili a collaborare col governo subito dopo il terremoto a patto che Renzi si comportasse in modo imparziale. I suoi primi atti invece sono stati atti di parte. Ha fatto una nomina, quella di Errani, politico-partitica, finalizzata a risolvere i suoi problemi di partito. Errani è un esponente della minoranza bersaniana, non vorrei dirlo ma la sua nomina a commissario per la ricostruzione assomiglia a una ricostruzione degli equilibri del Partito Democratico. Questo mi addolora molto, al di là della persona Errani, sul cui ruolo dopo il terremoto in Emilia ci sono, e lo dico con il massimo dell’equilibrio, opinioni controverse. Renzi parte col piede sbagliato, la smetta con le passerelle, Renzi si comporta sempre alla stessa maniera, chiede ma non è disposto ad ascoltare nessuno. La nomina di Errani è una nomina inaccettabile e lo dico con tutta la determinazione che mi viene data dall’apertura di credito che avevamo fatto a Renzi rispetto all’emergenza terremoto”.

Sulle dichiarazioni rilasciate da Marchionne, che ha detto di essere pronto a votare sì al referendum: “Marchionne vota sì? Mi auguro che di queste dichiarazioni alla Marchionne ce ne siano una al giorno. Quando poteri forti a livello internazionale di tipo economico e finanziario, quando grandi banche speculano sull’Italia e guadagnano sulle disgrazie italiane si schierano per il sì al referendum gli italiani capiscono che devono votare no. Un Marchionne al giorno toglie Renzi di torno. Marchionne, che mi è anche simpatico, è cittadino canadese, paga le tasse in Svizzera, ha portato la Fiat giuridicamente e fiscalmente in Olanda e in Gran Bretagna e poi mi dice che vota sì al referendum. Mi chiedo di quale Paese. In Olanda o in Canada?. Un partito che era di sinistra ha dalla sua parte le banche, Confidustria, Marchionne, le grandi aziende. Brunetta è più di sinistra di Renzi? Ci vuole molto poco…”.

Su Forza Italia e Stefano Parisi: “Parisi ha ricevuto da Berlusconi un mandato ad indagare lo stato di salute di Forza Italia. Parisi poteva avere una visione innovativa. Aspettiamo tutti con curiosità questo rapporto che Stefano Parisi farà al presidente Berlusconi e che Berlusconi poi discuterà negli organi dirigenti di Forza Italia. Punto. Se Parisi sta organizzando per conto suo, come soggetto politico che si è candidato a Milano avendo un buon risultato ma perdendo, rappresentando tutte le forze del centrodestra allargato, come soggetto politico, fa una sua convention. Il che mi fa dire bravo Parisi, vedremo da questa convention di Parisi quali forze verranno portate”.

Sul fertility day: “Che ci sia un problema di rinnovo generazionale e demografico è oggettivo. Che i governi si preoccupino di questo è doveroso, perché tutto questo deve avvenire, per un liberare come me, non in forme d’autorità, perché si toccano corde, sensibilità, libertà, che sono l’essenza stessa della libertà della persona umana. Che si mettano in atto meccanismi a favori della famiglia è giusto, non mi sentirei di sposare il fertility day, mi suona male, mi suona autoritario, un po’ fascista, si può fare tutto lo stesso mettendo in atto dei sistemi di incentivo per la famiglia”.

AUDIO 1 PARTE http://www.radiocusanocampus.it/podcast/?dl=9690

AUDIO 2 PARTE http://www.radiocusanocampus.it/podcast/?dl=9691

Fonte: Radio Cusano Campus