3 dicembre 2016

Terremoto, Salvini: “Stiamo ospitando migliaia di clandestini e i terremotati nelle tende, si rischia il Far West”

Matteo Salvini, Segretario della Lega Nord, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano.

Sul terremoto nel centro Italia. “Impariamo dagli errori del passato –ha affermato Salvini-. In Emilia, in provincia di Modena e Ferrara, ci sono ancora 20mila edifici inagibili, più di 12 miliardi di euro che lo Stato ancora deve risarcire a famiglie e aziende agricole. Però quanti telegiornali ancora se ne occupano? Come Lega la prima proposta che abbiamo fatto a Renzi è concedere l’esenzione fiscale per almeno 3 anni alle popolazioni coinvolte dal sisma. Il governo dice che non farà pagare il ticket sui farmaci, vorrei ben vedere, ci mancherebbe che glielo facesse pagare. Speriamo che non glielo vada a chiedere fra 6 mesi con gli interessi. Non dobbiamo ricommettere gli errori del passato. Quando Renzi ha proposto l’ex governatore dell’Emilia per gestire l’emergenza sono saltato sulla sedia. Il governatore di una regione che dopo 4 anni è in questa situazione non mi sembra un modello da esportare. La politica deve fare un passo indietro e nominare un tecnico. Noi abbiamo proposto il prefetto Francesco Paolo Tronca. Temo che Renzi cerchi di lottizzare anche il terremoto, siamo allo squallore fatto governo, speriamo ci ripensi. Dobbiamo stare tutti uniti ma non negli errori, ritengo che sia profondamente ipocrita dedicare il minuto di silenzio il lutto nazionale poi usciti dalla chiesa dimenticarsi di quello che la politica ha sbagliato in questi anni. Ho apprezzato le parole del vescovo che dice non è colpa della natura ma è l’uomo che ci mette del suo. Apprezzo i parroci che non dicono frasi di circostanza, come quello che ha celebrato i funerali delle vittime a Palagonia, ucciso da un immigrato”.

Emergenza immigrazione. “Avere 13 mila sbarchi nell’arco di pochi giorni, significa che sbarca una città nella città –ha sottolineato Salvini-. La gente non ne può più. Se il governo continua a far finta di niente e gli sbarchi continueranno, qui scoppierà il caos. La gente è arrivata all’esasperazione. Io dico accogliamo donne e bambini, ma gli altri tornino a casa. Al di là del terremoto, spero che le promesse di Renzi non rimangano solo promesse e le tende durino il meno possibile. E’ una vergogna che ci siano centinaia di migliaia di immigrati sparsi per case e alberghi e coloro a cui verrà riconosciuto asilo politico sono il 10%, significa che per gli altri 90% stiamo ospitando a nostre spese clandestini, nella peggiore delle ipotesi delinquenti. Vorrei che la politica intervenisse un attimo prima, altrimenti poi ci sarà il far west”.

Fonte: Radio Cusano Campus