3 dicembre 2016

Roma, Ruocco, M5S: “La giunta Raggi sta lavorando bene, ci sono dei confronti su alcuni temi”

La candidata sindaco di Roma del Movimento 5 Stelle, Virginia Raggi, ospite del programma Rai "Porta a porta", condotto da Bruno Vespa, Roma, 01 marzo 2016. ANSA/GIORGIO ONORATI

Carla Ruocco, deputata del Movimento Cinque Stelle e membro del direttorio del partito pentastellato, è intervenuta questa mattina nel corso di ECG, format condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio, su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano.

Carla Ruocco ha risposto a chi parla di tensioni tra il direttorio del Movimento Cinque Stelle e la squadra di Virginia Raggi: “Se ci facciamo i dispetti? No, assolutamente no. Il Movimento Cinque Stelle ha sempre avuto un assetto democratico e quindi ci sono dei confronti su alcuni temi. La giunta sta lavorando molto bene, si va avanti, si va tranquilli verso settembre al taglio del nastro autunnale. Diciamo che tante cose sono normale strumentalizzazione mediatica. Il resto sicuramente rientra in una fisiologica attività politica in cui ci sono più punti di vista che è giusto vengano espressi”.

Sulla questione Olimpiadi: “Qualsiasi cittadino romano può comprendere che le Olimpiadi non rappresentino la priorità. Bisogna dare un assetto di normalità ai servizi che sono a disposizione dei cittadini, poi pensare ad ospitare milioni di persone attraverso le Olimpiadi, anche perché Roma è una città a vocazione turistica a trecentosessanta gradi, non ha bisogno di un grande evento, deve essere pronta in ogni momento a poter ospitare un grande numero di visitatori provenienti da ogni parte del mondo. Alla fine, poi, i conti economici di questi grandi eventi rimangono sempre nella foschia più totale, anche con EXPO alla fine il grande miracolo tanto auspicato è rimasto fosco dal punto di vista del conto economico, che francamente ha rappresentato poi un grande fallimento. Certi eventi non portano ricchezza ai territori, ma qualcuno li deve finanziare e i costi poi ricadono sui cittadini“.

Sull’ipotesi Vasco Errani commissario per la ricostruzione dopo il terremoto: “Mi aspettavo un nome nuovo, non una persona che ha dato già manifestazione di gestione fallimentare degli eventi sismici. Durante il terremoto dell’Emilia Romagna purtroppo si sono aperte diverse inchieste per infiltrazioni. Servirebbe una persona che sappia ottimizzare fino all’ultimo euro le risorse e metterle a disposizione delle persone colpite. Utilizzare il terremoto per rinviare il referendum? Sarebbe da sciacalli, spero non si arrivi a tanto”.

AUDIO http://www.radiocusanocampus.it/podcast/?prog=1517&dl=9662

Fonte: Radio Cusano Campus