3 dicembre 2016

Me ne frego! Come il fascismo tentò di modificare la lingua italiana

Come il fascismo tentò di cambiare la lingua italiana 14 Settembre 2016 ore 20.30 a cura di Vanni Gandolfo e Valeria Della Valle. Produzione Istituto Luce-Cinecittà

Il film documentario si presenta come un viaggio attraverso la bonifica della lingua italiana tentata dal regime fascista. La storia poco conosciuta di un esperimento destinato a fallire. Il documentario analizza le parole del duce, l’indottrinamento dell’infanzia, la repressione di tutto ciò che era diverso rispetto all’ideale dell’ “italiano nuovo” che doveva adeguarsi al dogma di “credere, obbedire, combattere”.

L’Italia della Marcia su Roma è un paese povero e ignorante che parla una miriade di dialetti e ME NE FREGO parla di questo, di un esperimento di manipolazione messo in atto per uniformare la lingua degli italiani, dimenticandosi che la lingua delle persone non è una divisa che si indossa. Dal 1931 il Luce abolisce la presa diretta, che viene sostituita da una voce narrante ufficiale, la voce del regime.

Questi rarissimi documenti sono il centro di ME NE Frego!, contraltare di un insieme di voci, propaganda e citazioni da testi d’epoca, che raccontano la follia dell’altra inevitabile disfatta del regime, quella sulla lingua degli italiani.

Galleria d’Arte Moderna di Roma -Via Francesco Crispi. 24

Biglietto unico comprensivo di ingresso alla Galleria, visita alla mostra e partecipazione alla conferenza: intero: € 7.50; ridotto: € 6.50; per i cittadini residenti nel territorio di Roma Capitale (mediante esibizione di valido documento che attesti la residenza): intero: € 6.50; ridotto: € 5.50

Info e prenotazione obbligatoria: tel. +39 060608 (tutti i giorni ore 9.00-21.00)

Numero partecipanti: max 40 posti