11 dicembre 2016

Prima edizione di Teatro Deconfiscato

Dall’8 al 22 settembre all’ex-Tenuta Magliulo (bene confiscato alla camorra sito nel territorio comunale di Afragola, a due passi dall’area commerciale comprendente, tra gli altri, Ikea e Leroy Merlin) prende il via Teatro Deconfiscato (il teatro nei beni confiscati alle mafie), rassegna di teatro civile ideata dal drammaturgo e regista Giovanni Meola, che ne firma anche la direzione artistica.

 

La rassegna, ad ingresso gratuito su prenotazione obbligatoria, presenta tre spettacoli di interesse nazionale i cui temi e storie vengono abbinati ad un luogo il cui riutilizzo a fini sociali e culturali deve essere uno degli scopi principali delle amministrazioni pubbliche: l’elevato tasso simbolico di immobili teatro di violenza, sopraffazione e morte può concorrere all’accrescimento della conoscenza, della consapevolezza e della memoria collettiva, dotando la comunità di un sentimento di riappropriazione del proprio territorio e della propria storia.

 

Gli spettacoli di questa I edizione sono tre monologhi che vantano diversi anni di vita scenica, numerosi premi nazionali, sponsorizzazioni e collaborazioni di elevato e riconosciuto spessore e raccontano storie legate alle tre maggiori mafie del paese: una storia di camorra, una di ‘ndragheta, una di mafia.

L’originalità del format risiede proprio nel mettere assieme, per la prima volta in Italia, spettacoli provenienti da autori e drammaturghi attenti al racconto dei propri territori e delle loro enormi problematiche, malate e cancerogene, che si sintetizzano, fin troppo spesso, purtroppo, nel racconto di storie legate a mafie e sopraffazioni varie.

Parlare del male e rappresentarlo non è certo esaltarlo quanto piuttosto esortare il pubblico a riconoscerlo in tutte le sue sfumature e a interrogarsi su cosa e come fare per contrastarlo sempre di più e meglio.

—————————————————————————————————————–

Metà della sua nutrita produzione è in italiano, l’altra metà in napoletano e questo ha significato, da moltissimi anni, per Giovanni Meola, una grande attenzione a questi temi, cosa che è appunto alla base dell’ideazione di questo format.

Risale addirittura al 1999 la messa in scena del primo spettacolo post-eduardiano con protagonista un personaggio borderline: si tratta de ‘Lo Sgarro’, scritto e diretto da Meola, spettacolo che superò le 100 repliche in tre stagioni di allestimento e che fu tra quelli ospitati nell’edizione del 2000 di Benevento Città Spettacolo allora diretta da Maurizio Costanzo con la collaborazione di Ruggero Cappuccio.

Da allora l’autore e regista non si è più fermato, come dimostrano altri sei spettacoli e vari progetti (come il contenitore ‘Teatro & Legalità’ che ha avuto vita decennale) anticipando di fatto una tendenza che poi esploderà, diventando forse una moda, in seguito all’uscita, nel 2006, del popolarissimo libro ‘Gomorra’.

L’attività di Meola e di Virus Teatrali, nel corso dell’ultimo quindicennio abbondante dunque, ha rappresentato un’opera pionieristica in grado di generare una serie di progetti di cui Teatro Deconfiscato è solo l’ultimo in ordine di tempo.

Lo stesso ‘L’Infame’, che viene presentato in apertura di programma, per una precisa scelta programmatica, è spettacolo che ha debuttato nel lontano 2002-2003.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“Teatro Deconfiscato”

programma completo I edizione

8 Settembre – Virus Teatrali

“L’INFAME”

di – regia | Giovanni Meola

con | Luigi Credendino

Un camorrista minore, un criminale di piccolo calibro, passa da un clan all’altro e poi si pente, convinto di poter continuare a ‘fumare’. Ma, purtroppo per lui, nessun magistrato può concedergli questo, diventando il suo pusher.

Mazza ‘e scopa, pentito sui generis, rivela un mondo in cui tutti hanno un contranomme più o meno eccentrico, più o meno minaccioso, più o meno ridicolo e si rivela come un illuso incapace di affrontare la dura realtà delle sue scelte di vita.

www.virusproduzioni.it

15 settembre – Compagnia Ragli

“PANENOSTRO”

di – regia | Rosario Mastrota

con | Andrea Cappadona

Giuseppe fa il pane e ama impastare i suoi ‘figli’ di acqua e farina. Vive la sua missione di fornaio ingenuamente e quest’umiltà, palesata nel sottomettersi all’imposizione malavitosa, lo rende ignaro finanziatore della ‘ndrangheta radicata al nord, dove lui lavora. Ma quando intimidazione ed estorsione attaccano i suoi sentimenti, l’impulsiva reazione avrà effetti letali.

www.compagniaragli.com

22 Settembre – Consorzio Teatri di Bari

“U PARRINU”

di – regia – con | Christian Di Domenico

Di Domenico ha conosciuto personalmente padre Puglisi perché questi celebrò le nozze dei suoi genitori e ne divenne amico e guida spirituale negli anni successivi.

Alternando sprazzi di autobiografia a sprazzi della sua tragica uccisione ad opera del boss del quartiere Brancaccio, a Palermo, l’autore traccia la non ordinaria storia del primo prete ucciso dalla mafia.

www.christiandidomenico.wordpress.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 6000 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.