5 dicembre 2016

Cori, Vino Nocte: la vendemmia sotto il chiaro di Luna

Nella Tenuta Pietra Pinta dei Ferretti va in scena lo spettacolo della raccolta notturna delle uve.

È iniziato in questi giorni il fascino e la suggestione della vendemmia notturna a Cori. Un rito che l’Azienda Agricola Pietra Pinta della famiglia Ferretti rinnova da alcuni anni, per salvaguardare gli aromi e i profumi delle sue uve bianche. Dopo aver cenato tutti insieme, dall’una all’alba, si accendono i riflettori sui vitigni e i motori di macchine all’avanguardia che danno inizio ad uno spettacolo incantevole.

Un’esperienza che ha fondamenti scientifici. In alcune uve l’escursione termica giorno/notte durante il periodo di maturazione determina la presenza concentrata di composti aromatici nelle ore notturne. La pianta, per proteggere l’acino dagli effetti dell’escursione termica, ne concentra all’interno i composti aromatici per elasticizzare la buccia ed evitare rotture.

Una tecnica premiante, sia dal punto di vista enologico che ambientale. Consente di preservare il corredo aromatico delle uve, mantenendo integri i grappoli ed evitando micro-fermentazioni indesiderate, generate dalle maggiori temperature diurne. Ma anche di ottenere un risparmio energetico nel raffreddamento delle uve prima della pressatura, quando maggiori sono i rischi di volatilizzazione degli aromi.

Il vino nocte, oltre a mantenere intatti tutti i suoi caratteri naturali, si fa apprezzare per la sua originalità. I vitigni che la famiglia Ferretti vendemmia di notte sono quattro. Si parte a fine Agosto con lo Chardonnay e il Sauvignon, mentre a Settembre tocca alla Falanghina e alla Malvasia Puntinata.

Pietra Pinta è una realtà sperimentale che non lascia niente al caso. Con accurati campionamenti si disegna una curva di maturazione che individua il giorno ideale per avviare la raccolta. Il resto lo fanno la manodopera, le macchine e piccoli accorgimenti. Tra questi il misterioso fumo che si leva dalle vasche, dovuto all’uso di giacchio secco per disperdere anidride carbonica ed isolare il mosto dall’ossigeno presente nell’aria.

About Giovanni Soldato 2949 Articoli
Giovanni Soldato, specialista della fotografia.... secondo lui, ottima penna sia in ambito sportivo ma soprattutto nell'ambito dei motori. Nato a Barberino del Mugello appena ha tempo mette le due ruote in pista. Collaboratore de Il Tabloid cura la provincia di Latina, le notizie nazionali e dall'estero.