2 dicembre 2016

Terremoto, Di Pietro: “Il nuovo codice degli appalti ha complicato le cose ai costruttori, servono regole semplici”

 

Antonio Di Pietro è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano.

In merito al rischio corruzione nella fase di ricostruzione delle città colpite dal terremoto. “Ogni giorno si scopre qualcosa –ha affermato Di Pietro-. Non è che prima non ci fosse la corruzione, è che non si scopriva. Ora è bene che si scopra, ma sarebbe ancora meglio se non si facessero questi imbrogli. Il nostro Paese purtroppo è soggetto a terremoti naturali, dobbiamo evitare i terremoti degli scandali. Dobbiamo creare regole più semplici, perché più sono complicate più c’è il rischio che si verifichino situazioni di illegalità. Il nuovo codice degli appalti ha complicato la vita ai costruttori, prevede  una serie di regole che sono ancora da scrivere. Ho letto di esperti del settore che hanno individuato almeno 200 emendamenti da fare per renderlo operativo. Io dico al governo di ascoltare i tecnici e fare le modifiche necessarie per renderlo operativo. Troppo facile dire che ci pensa Cantone, non è mica il Padre Eterno. A lui va tutta la mia solidarietà, cerca di fare il più possibile, ma ognuno deve essere il Cantone a casa sua. E’ come la storia di Mani Pulite, non è che una volta fatta Mani Pulite hai risolto il problema, ognuno deve fare Mani Pulite a casa sua”.

Sulla Pedemontana. “Non farò il passo più lungo della gamba –ha spiegato Di Pietro-. E’ un’infrastruttura importante, la voglio fare, ma devono esserci le condizioni per farla. Le infrastrutture sono necessarie per far funzionare il sistema Paese, nel rispetto di tutto”.

Fonte: Radio Cusano Campus