10 dicembre 2016

Plastic Penguin, in digitale l’istant EP del composer vesuviano. #maiduevoltelostessosuono

“Bamboo Groove EP” comprende tre tracce registrate tutte nella notte tra il 10 e 11 giugno. Il compositore vesuviano ha utilizzato come sorgente sonora sintetizzatori analogici e field recordings “catturati” in Giappone tra Tokyo e Kyoto e rielaborati secondo le dinamiche della granular synthesis.
Il suono dei brani enfatizza le alte frequenze in un intreccio di glitch, bleeps e mille altri vibrazioni aggrovigliate proprio come una fitta foresta di bamboo. La cover art infatti è ricavata da uno scatto alla Arashiyama Bamboo Grove in Kyoto da cui l’EP trae spunto.
Il progetto Plastic Penguin del composer vesuviano Luigi Ferrara è attivo dall’anno 2000.
Le produzioni sono nell’ambito di pubblicità, report giornalistici, documentari e short film, sonorità a cavallo tra la computer music e la synthesizer music, con espliciti riferimenti a logiche analogiche che sguazzano alla deriva nell’oceano digitale.
I lavori sono rintracciabili sul web: è facile imbattersi in brevi e ironiche vignette sonore o snippets di improvvisazioni al sintetizzatore.
Plastic Penguin 2000 non richiama una precisa scelta stilistica, il più è la convinzione che entra in un’ottica “pan-elettronica” e con la singolare ossessione del #maiduevoltelostessosuono

www.facebook.com/plasticpenguin2000
www.facebook.com/freakhouserecordsbooking
twitter.com/plastic_penguin
www.freakhouserecords.bandcamp.com