8 dicembre 2016

Caso Scazzi, Avv. Gentile: “Vedere uscire gli imputati sarebbe stato per noi un fallimento del sistema”

L’avvocato Nicodemo Gentile, legale della famiglia Scazzi nel processo di Avetrana, è intervenuto ai microfoni di Radio Cusano Campus (www.unicusano.it), all’interno del programma  “Legge o Giustizia” con Matteo Torrioli. Gentile ha commentato il deposito delle motivazioni delle sentenze di condanna per Sabrina e Michele Misseri e per Cosima Serrano, sentenza pronunciata nel luglio 2015. “Le 1277 pagine di motivazioni penso servano perché si è ritenuto di motivare di nuovo le condanne, integrando quanto scritto del primo grado – afferma il legale – non bisogna dimenticare che accanto ai quattro imputati principali, ci sono tutta una serie di imputazioni secondarie”. Ha avuto timore che gli imputati, come paventato, potessero essere liberati per il ritardo nel deposito delle motivazioni? “No, assolutamente. I sei anni di Cosima decorreranno dal maggio dell’anno prossimo. Sapevamo poi che la misura cautelare per Sabrina era prorogata fino al 27 settembre del 2017. Quella data era una garanzia per noi”.

Quindi sono serviti gli ispettori del Ministro della Giustizia Orlando? “In tutta la vicenda giudiziaria il ritardo del deposito delle motivazioni è l’unico punto che condividiamo con la difesa. Siamo avvocati di parte civile adesso ma siamo comunque uomini di legge. L’imputato ha il diritto ad un giusto processo, in tempi ragionevoli. E’ un diritto, però, anche delle parti offese. Per la famiglia Scazzi questo ritardo non era più fisiologico ma patologico. Per noi della famiglia Scazzi vedere fuori dal carcere due persone condannate all’ergastolo grazie non per motivi che attengono al merito ma per un ritardo procedurale sarebbe stato un fallimento del sistema”. Ora la difesa avrà 45 giorni per preparare il ricorso sulla base di 1277 pagine di motivazioni: “Non è un lavoro agevole per i colleghi. Sicuramente sono tra i più importanti di Italia e faranno un primo ricorso che potrà essere successivamente integrato. Riuscire in 45 giorni a poter mettere su un ricorso dove si difendono persone che, fino al terzo grado, sono innocenti ma condannate all’ergastolo, non è agevole.

In passato hanno fatto ottimi ricorsi, anche in primo grado, quindi riusciranno sicuramente”. Cosa vi aspettate dalla Cassazione: “Siamo preparati allo scontro, duro e senza esclusione di colpi. Noi diremo la nostra, come fatto in primo  e secondo grado. Intanto leggiamo le motivazioni per capire la forza della sentenza. Il fatto che siano tante pagine non vuol dire nulla. La quantità di pagine non è sintomo della bontà del contenuto. Siamo però di fronte a giudici qualificati, che hanno dimostrato di saper ben governare un processo così difficile”.

Fonte: Radio Cusano Campus