5 dicembre 2016

Osteria della Fontana, iniziato l’abbattimento selettivo dei cinghiali

 

Ieri pomeriggio ad Anagni, Osteria della Fontana, la prima squadra di cacciatori autorizzati è entrata in azione con le attività di abbattimento selettivo dei cinghiali programmate per ridurre il numero dei capi proliferati così tanto da essere diventati un problema di ordine pubblico, oltre che causa di danni alle coltivazioni. “Siamo entrati in azione non appena la Regione, dopo l’approvazione da parte dell’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (Ispra), ha autorizzato il piano” spiega Vinicio Savone, presidente della Coldiretti di Frosinone, individuato come capo distretto nel territorio dell’Atc Fr1 (Ambito territoriale di caccia). Savone ha coordinato la squadra che ha operato domenica in una delle località di Anagni più colpite dall’invasione di fauna selvatica. L’emergenza dura da inizio estate, causando alle aziende perdite per decine di migliaia di euro. Gli animali selvatici, soprattutto di notte, lasciano i ricoveri e si spingono fino in pianura in cerca di cibo, distruggendo coltivazioni di mais e granturco destinati all’alimentazione del bestiame allevato. Negli ultimi mesi, inoltre, non sono mancati avvistamenti anche in pieno giorno e, nelle campagne dal nord al sud della provincia, si sono registrati persino casi di cinghiali che hanno assalito coltivatori sorpresi in campo mentre erano al lavoro. “Abbiamo avuto il record di coltivazioni danneggiate. Tanti hanno raccolto il foraggio, ma restano a terra distese di granturco che adesso, con gli abbattimenti, potremo salvaguardare. Abbiamo davanti – conclude il presidente della Coldiretti – un programma di attività mirate che eseguiremo attenendoci alle prescrizioni di Ispra e Regione Lazio. Metteremo in salvo le coltivazioni senza pregiudicare la sopravvivenza dei cinghiali, riportando il loro numero entro i limiti fisiologici e compatibili con le necessità di tutela dell’ambiente e delle attività agricole”.

About Samantha Lombardi 4011 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it