11 dicembre 2016

Montella: “Ci manca la continuità”

Un Vincenzo Montella soddisfatto a metà si presenta in conferenza stampa. Soddisfatto per via della bontà delle sue idee, che fino ad ora si stanno vedendo in campo. Contrariato, invece, per le due espulsioni che hanno penalizzato la squadra nel finale di gara.

L’ASPETTO MENTALE
“Vanno gestiti meglio i momenti sia a livello nervoso che in termini di scaltrezza, capire dove si possa avere dei piccoli vantaggi. Il Napoli lo ha capito, noi no. Il nervosismo mi dispiace, perché ci ha fatto giocare in inferiorità numerica. C’è stato qualche altro episodio che poteva pareggiare la situazione, ma questa è una colpa nostra. Nel momento topico inconsciamente forse ci siamo un po’ accontentati, noi ne avevamo di più rispetto al Napoli a livello fisico e mentale”.

GLI AVVERSARI
“Il Napoli gioca con una certa continuità, ha una interpretazione delle situazioni molto chiara. Sono molto bravi, c’è un lavoro dietro, prolungato nel tempo. Hanno sfruttato le loro qualità migliori nella costruzione dalla fascia sinistra. Da lì sono nati due gol, per capacità degli interpreti del Napoli, non è sempre colpa di qualcuno. Noi siamo stati bravi nel togliere la profondità di Callejon nella fascia destra. Mertens ha qualità, il Napoli gioca molto su questo. Nella continuità lo abbiamo chiuso spesso, ma quelle poche volte in cui ha preso palla è risultato decisivo perché ha grosse qualità. Il Napoli ha una identità precisa, molto ordinata, sa quello che deve fare in campo. C’è continuità di gioco rispetto all’anno scorso e questo è un vantaggio, soprattutto all’inizio del campionato. Quando affronti squadre collaudate qualche difficoltà c’è”.

PERSONALITÀ
“La mia squadra mi è piaciuta nella personalità dimostrata a tratti, non nei 90 minuti. Secondo me a tratti il Milan è stato nettamente superiore al Napoli”.

LA FASE DIFENSIVA
“Dobbiamo migliorare in difesa, troppi gol subiti, alcuni per episodi, alcuni evitabili. Alcuni per individualità, ma non è una scusante: dobbiamo migliorare come gruppo la fase difensiva, ci manca un po’ di equilibrio, è evidente, però a cose normali non abbiamo concesso troppo al Napoli se non quando la squadra è un po’ calata mentalmente”.

ALLA RICERCA DELLA CONTINUITÀ
“L’obiettivo è avere una fisionomia, cercare di avere un’anima. Siamo sulla buona strada, ci manca ancora la continuità nei 90 minuti come tenuta mentale, come interpretazione dei momenti, come scaltrezza. Sono certo che questo arriverà, anche con qualche incertezza tattica sui cui dobbiamo lavorare. Ma io vedo grande partecipazione dei ragazzi, grande impegno, grande volontà, ci manca un po’ di convinzione interiore per rendere nei 90 minuti”.

MILAN ITALIANO E GIOVANE
“6 giocatori sotto i 23 anni nella formazione di partenza? Anche parecchi italiani. Sono calciatori bravi, è una buona base. Siamo all’inizio, stiamo portando avanti un’idea di calcio molto ambiziosa, anche un po’ rischiosa, ma siamo tutti convinti. Dobbiamo partire dalle cose positive che questa sera ci sono state. Si fa fatica a dirlo, perché quando perdi c’è un po’ di amarezza in più, anche perché abbiamo giocato quasi alla pari del Napoli, per non dire alla pari”.

LE ESPULSIONI
“Le espulsioni sono frutto di un po’ di nervosismo che deve essere limato, dobbiamo avere un controllo di noi stessi migliore di quanto si sta verificando. Qualche attenuante c’è ma non dobbiamo rifugiarci dietro questo, bisogna gestire meglio questa emotività”.

L’IMPORTANZA DI ESSERE NAPOLETANO
“Da bambino ho visto 2-3 partite di Maradona qui a Napoli, ma ero innamorato di Van Basten e di conseguenza del Milan. Io sono napoletano, mi sento napoletano trapiantato al Nord, ho la famiglia qua. Sono orgoglioso di esserlo e mi ha aiutato esserlo, perché talvolta la scaltrezza mi ha aiutato in passato”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5996 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.