9 dicembre 2016

MotoGp, Ktm: altro test a Misano

Il preparazione del debutto nel Campionato del Mondo MotoGP™, la scuderia KTM è stata protagonista di recenti test sulla pista di Misano Adriatica da lunedì 22 a mercoledì 24 agosto. Il circuito romagnolo tra due settimane ospiterà il tredicesimo GP della stagione e in pista sono scesi i collaudatori Karel Abraham, Alex Hofmann e Mika Kallio, vittima anche di un fuoripista; i tre piloti hanno contribuito al proseguimento del lavoro sulla RC16 in vista dell’esordio nella classe regina fissato per l’ultimo GP del 2016 a Valencia. Il team KTM ha potuto testare importanti novità come la nuova carenatura, il nuovo telaio e il serbatoio posteriore. Non ha preso parte ai test Tom Luthi, pilota della classe intermedia vittima di un preoccupnate incidente nell’ultimo GP a Brno e ora a riposo.

Mike Leitner, vice presidente Onroad: “Il test è stato ancora una volta molto utile. Dobbiamo continuare a lavorare sodo perché solo questo ci potrà portare ai livelli degli avversari quando inizieremo la nostra prima stagione, a Losail nel 2017”.

Sebastian Risse, direttore tecnico Onroad: “Rispetto alle prove precedenti questa volta siamo andati più in profondità con la centralina. Abbiamo avuto molto tempo per preparare le novità e al terzo giorno tutti le componenti avevano mostrato il loro potenziale. Ora ci aspetta il prossimo test al MotorLand volto a rifinire la moto per l’esordi in gara a Valencia”.

Mika Kallio, collaudatore: “Un buon test ma il mio incidente nel secondo giorno e qualche piccolo problema mi hanno un po’ penalizzato. Ad ogni prova ho portato la moto al limite perché è l’unico modo per capire dove migliorare e si ci sono lacune. Guardando i tempi sul giro abbiamo confermato le prestazioni di Spielberg. Devo dire che le novità, come ad esempio il serbatoio posteriore, non hanno cambiato molto le prestazioni e se vediamo i tempi sul giro singolo non siamo molto distanti dai nostri avversari”.

Karel Abraham, collaudatore: “Luthi non era in grado di essere qui e io ho provato la moto al posto suo all’ultimo momento. Abbiamo evoluto molto la moto, soprattutto abbiamo provato nuove parti e nuove configurazioni dell’elettronica. Ho trovato il test molto impegnativo e nonostante questo credo che abbiamo fatto dei grandi progressi”.

Alex Hofmann, collaudatore: “Il mio primo giorno vero di test con 92 giri a referto. Tutto mi sembrato regolare e la moto si è comportata bene anche sulla lunga percorrenza. Siamo ad un livello che possiamo considerare la wild card di Valencia come la prova finale che arriva nel momento giusto.

Il lavoro di sviluppo della moto di Mattighofen proseguirà con i test ad Aragon tra una settimana.

Fonte: motogp.com

 

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5987 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.