9 dicembre 2016

Le passeggiate enogastronomiche di La Morra e Subiaco tendono la mano ad Amatrice

 

Le perle gastronomiche di interi territori da gustare passeggiando all’interno di contesti unici, contribuendo in maniera concreta alla solidarietà per la città di Amatrice duramente colpita dal terremoto: è quanto propongono nell’ultimo fine settimana di agosto la “Mangialonga” di La Morra e “Rajche, radici in comune” di Subiaco.

A La Morra sono in programma quattro chilometri e sei tappe all’insegna del gusto e delle tradizioni da percorrere tra vigneti patrimonio dell’Unesco: Barolo, Nebbiolo, Barbera e Moscato saranno il nettare di Bacco che ristorerà i “passeggiatori”, insieme alle prelibatezze culinarie proposte dai produttori locali. Tutto questo è la “Mangialonga”, giunta alla 30esima edizione e in programma domenica 28 agosto nel paese in provincia di Cuneo. Si partirà con l’aperitivo a base di prodotti tipici della Langa abbinati a ospiti d’eccezione, i vini francesi di Ladoix (Borgogna), lo Champagne di Erpenay, i riesling di Scherviller e Oberthotteveill e il Roero Arneis di Monta Canale; poi ecco le prime tappe con salumi locali, lardo e Dolcetto d’Alba, e con raviole al plin in abbinamento con Nebbiolo d’Alba, Barbera d’Alba e Langhe DOC. Un sorbetto al limone rinfrescherà la quarta fermata prima di un tuffo nei sapori forti della zona: bocconcini di vitello al Barolo e polenta da gustare insieme al Barolo DOCG dei produttori di La Morra, selezione di formaggi delle vallate Cuneesi e dolci della tradizione con l’immancabile Moscato d’Asti DOCG. Alle 19.30, al termine della passeggiata, ci sarà spazio anche per una portata “solidale”: gli organizzatori offriranno un piatto di pasta all’amatriciana preparata da un cuoco romano con materie prime provenienti dal Lazio; chi vorrà potrà lasciare un’offerta libera e le offerte ricavate verranno raddoppiate dall’organizzazione e inviate alla città laziale di Amatrice.

E sempre nel Lazio, ma nella splendida Subiaco in provincia di Roma, dal 26 al 28 agosto si potrà scavare a fondo nelle tradizioni gastronomiche, musicali e dialettali dell’Alta Valle dell’Aniene con “Rajche, radici in comune”, tre imperdibili giorni dedicati alla cultura locale tra poesie, stornelli e canti popolari. Grande spazio sarà dato alla buona cucina con l’attesissimo appuntamento con la passeggiata gastronomica: sabato 27 dalle 19 alle 24, muniti di sacca e calice, i visitatori potranno tuffarsi in una sorta di tour con tantissime portate della cucina tipica del territorio, realizzate al momento seguendo le ricette delle nonne ed esclusivamente con materie prime del posto. Dalla panzanella ai “frittegli”, passando per gli strozzapreti alla “subbjacciana”, i pizzicuni co gli sfritti, gli arrosticini e la coratella, ci sarà davvero l’imbarazzo della scelta fra oltre 30 specialità! Non mancherà una portata “solidale”, gli strozzapreti  all’arrabbiata, il cui incasso sarà interamente devoluto alla città di Amatrice. E in abbinamento ai piatti a “chilometro zero” le aziende vinicole locali proporranno i loro migliori prodotti da gustare nelle vecchie cantine del paese, riaperte per l’occasione, nelle quali è possibile respirare l’atmosfera tipica delle feste di un tempo.  A dare il via all’evento, venerdì 26 sarà la rappresentazione teatrale “Attizza ju foco, carbonà”, mentre la domenica torneranno protagonisti gli antichi strumenti musicali con il festival e mostra-mercato della musica popolare e della liuteria tradizionale.

Agosto si avvierà così alla conclusione ma gli amanti del gusto e delle tradizioni di una volta si potranno immediatamente consolare: dall’1 all’11 settembre Sant’Agostino, la “città del tartufo” in provincia di Ferrara, si vestirà a festa per la 37esima edizione della sagra dedicata al pregiato tubero. Tutti gli aromi del bosco della Panfilia saranno racchiusi nei piatti preparati con amore dalle massaie locali, fra specialità a base di tartufo e delizie tipiche della tradizione locale.

A cura di www.fuoriporta.org