Atina, Festival delle Storie: domani c’è Marco Travaglio

Il programma di venerdì 26 agosto, a Picinisco: attesa per lo spettacolo del direttore del Fatto Quotidiano. Tra gli altri eventi il reading con il “salumiere matto” Valenta, il docu-film di Rachele Brancatisano e la musica “in viaggio” dei Traindeville

Domani, venerdì 26 agosto, il Festival delle Storie arriva a Picinisco. Secondo giorno per la kermesse itinerante che coinvolge l’intera Val di Comino, dopo il debutto di Alvito.

Il programma degli incontri, tutti ad ingresso libero, è aperto da Livia Genah, che alle 11 – in piazza Capocci – presenterà “Semplicemente ebree”. Dalle 13 si va a Casa Lawrence per “A pranzo con il Festival” (info e prenotazioni 349.0723087).

Alle 18, in piazza Rione, appuntamento con Barbara Bellomo e Stefano Vincenzi. Un incontro di storie tra Occidente e Oriente, rispettivamente nell’antica Roma e con la bellissima Teofano. Modera Anna Maria Greco.

Alle 19 in centro storico l’apertura dell’itinerario enogastronomico, in collaborazione con Pastorizia in Festival. In contemporanea, sempre in piazza Rione, racconti e stranezze familiari con Andrej Longo e Enzo Fileno Carabba, con Ivano Porpora a fare da moderatore.

Alle 20, ancora in piazza Rione, il reading con Vittorio Valenta, il “salumiere matto” del mercato coperto di Novara, famoso per trasmettere la sua passione per i classici ai clienti lasciando nei loro pacchetti citazioni d’autore e commenti.

Alle 21, in piazza Ernesto Capocci, c’è “Perché NO”: lo spettacolo di Marco Travaglio, direttore del Fatto Quotidiano, sul referendum costituzionale. Il giornalista ha deciso di mettere in scena le ragioni del No, contrapposte a quelle del Sì con l’attrice Giorgia Salari nei panni di Maria Elena Boschi (con le frasi testuali della ministra delle Riforme). Ciascuno potrà confrontarle e farsi un’idea.

Alle 22.30, ancora in piazza Capocci, la proiezione del docu-film “I Ciaccia” di Rachele Brancatisano, organizzatrice del Festival insieme a Vittorio Macioce. La storia di un borgo nel racconto di chi ha avuto il coraggio per restarci.

A chiudere la giornata arriva alle 23.30, nella stessa piazza, il treno metropolitano dei Traindeville: canzoni in viaggio lungo le stazioni più colorate della musica etnica, dall’indie folk ai Balcani, da Roma al Flamenco passando per il klezmer, sulle ali del ritmo e della giocosità.

Sabato 27 agosto si riparte da Atina. Tutte le info anche sulla pagina facebook del Festival delle Storie.

loading...
loading...
Informazioni su Samantha Lombardi 4564 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it