6 dicembre 2016

Il mondo del calcio celebra ancora Antonio Puerta

puerta

Sono passati già 9 anni dal 28 Agosto 2007, giorno in cui il cuore di Antonio Puerta si è fermato per sempre. Eppure, nonostante sia passato tutto questo tempo, ancora oggi compagni, tifosi e appassionati di calcio da tutto il mondo continuano a celebrarlo come ci ricorda, fra i tanti, anche il sito www.thebigsoccer.com che ha dedicato un intero articolo per ricordare gli ultimi momenti di Antonio Puerta in campo. Ma chi era davvero Antonio Puerta prima che il destino gli voltasse le spalle?

Il percorso sportivo e le qualità di Antonio Puerta

Nelle prossime righe abbiamo voluto rispondere a questa domanda e capire perché ancora oggi viene ricordato con tanto affetto e, l’anniversario della sua scomparsa è diventato quasi un vero e proprio evento. Se dobbiamo descriverlo in poche parole possiamo dire che era un giocatore pronto a tutto per la maglia e per i compagni, e che si era meritato sul campo ogni risultato raggiunto. Infatti, nelle giovanili si è subito distinto e l’esperienza accumulata nel “Siviglia B” è servita moltissimo per avere un ruolo di primo piano anche durante le partite in prima squadra.

I tecnici della squadra spagnola più vecchia della storia lo stimavano molto e non solo come uomo, ma soprattutto per il fatto che era un prezioso jolly adatto a giocare sia come centrocampista che come terzino sinistro. Dotato di una corsa instancabile con cui pattugliava il campo insieme a Dani Alves e altri compagni, aveva un gioco elegante ed era abituato ad un fine tocco della palla. Queste erano qualità che lo avevano reso una grande promessa per il prossimo futuro, infatti, aveva grandi prospettive davanti a sé forte anche del recente debutto in nazionale.

La prima di campionato e il tragico giorno

Insomma, Antonio Puerta era pronto per il grande salto purtroppo però proprio quando tutto sembra andare per il meglio, durante la prima partita della Liga Spagnola che vede Siviglia e Getafe contrapposte, si accascia a terra. I primi a soccorrere il giocatore sono i compagni di squadra, in particolare Dragutinovic e Palop, e poco dopo arrivano anche i medici. Un intervento tempestivo che fa ben sperare soprattutto dopo che Antonio riesce ad uscire dal campo con le proprie forze.

In ogni caso la situazione è più grave di quanto sembra perché viene trasportato d’emergenza in ospedale e, nei 3 giorni che precedono la sua morte, ci sono stati molti tentativi di rianimarlo. Eppure, nonostante tutti gli sforzi, la displasia ventricolare che mai prima di allora gli era stata diagnosticata non ha lasciato scampo portandolo via dalla moglie e da suo figlio che sarebbe nato solo pochi mesi dopo, all’età di appena 22 anni.

Le riprese TV e il suo ricordo

La scena ripresa in diretta dalle telecamere ha commosso non solo i tifosi del Siviglia ma anche gli appassionati di calcio di  tutto il mondo che, continuano a ricordare Antonio Puerta. Primo su tutti il suo ex compagno di squadra Enzo Maresca che si è fatto tatuare la scritta “16 Para Siempre” in suo onore, ma ha saputo conquistare anche il cuore di tutta la città soprattutto dopo aver rifiutato una ghiotta offerta del Real Madrid; il risultato? Gli è stata dedicata addirittura una via della città.

Insomma, in un’epoca in cui le notizie sconvolgono le nostre coscienze e poi passano in fretta nel dimenticatoio, la sua storia è stata cosi importante (prima e dopo quel tragico evento) da rimanere impressa nella mente di tutti gli appassionati di calcio e non solo spagnoli. Il fatto che anche noi italiani ne stiamo parlando è la dimostrazione di quanto sia rimasto nel cuore di tutti noi.