5 dicembre 2016

Gran Premio del Belgio: il triangolo delle Ardenne

Dopo un mese di pausa la Formula 1 riparte dal Gran Premio del Belgio, su quel circuito di Spa-Francorchamps tanto caro a piloti ed appassionati di corse. Nonostante i numerosi interventi che dai 14 Km della prima gara automobilistica – disputata nel 1924 – lo hanno portato all’attuale configurazione (7,004 Km), riducendo in alcuni punti le altissime velocità di percorrenza, Spa mantiene un fascino particolare ed oltre ad essere il tracciato più lungo del calendario ad oggi rimane il più tecnico. Complice l’imprevedibilità del meteo e la variabilità dello stesso sui diversi tratti della pista, oggi l’appuntamento belga rappresenta un’importante banco di prova per vetture e piloti, all’indomani del giro di boa del campionato, che qui conta la sua tredicesima tappa.

“E’ un circuito vecchio stile, con salite e discese” racconta Kimi del tracciato belga. “La differenza rispetto ad altri tracciati è il fatto di essere in mezzo al nulla. Il circuito mi piace, anche se l’ultima chicane è stata leggermente modificata negli anni passati. Le condizioni a volte possono essere difficili, ma di solito si riesce a sorpassare ed è bello sia per i piloti che per gli spettatori. In TV è difficile da capire, solo quando sei lì comprendi quanto siano ripide le salite”.

Fonte: ferrari.it

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5947 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.