6 dicembre 2016

Alatri, in arrivo il sostegno all’inclusione attiva

 

Anche ad Alatri arriva il “Sostegno all’inclusione attiva” (SIA), una misura di contrasto alla povertà (prevista dal governo centrale) che prevede l’erogazione di un sussidio associato a un progetto di attivazione e inclusione sociale. In un primo momento, potranno fare richiesta solo le famiglie disagiate (con ISEE inferiore ad € 3.000,00, con assenza di misure per la disoccupazione ed altri trattamenti economici superiori ad € 600 mensili) nelle quali almeno un componente sia minorenne o sia presente un figlio disabile o una donna in stato di gravidanza accertata. L’INPS provvederà ad accertare il possesso dei requisiti ed il raggiungimento di un punteggio minimo per l’attivazione del SIA.

Il finanziamento giunge dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e coinvolgerà  i Comuni, Poste Italiane e INPS. Si tratterà di un beneficio concesso bimestralmente ed erogato dall’INPS attraverso l’accredito delle somme su una Carta di Pagamento elettronica (Carta SIA) rilasciata da Poste Italiane: il sussidio è nella misura di € 80,00 mensili per ogni membro del nucleo familiare, fino ad un massimo di € 400,00. La carta SIA potrà essere utilizzata esclusivamente dal titolare del beneficio per effettuare acquisti in tutti i supermercati, negozi alimentari, farmacie, parafarmacie abilitati al circuito Mastercard, nonché per pagare bollette elettriche e del gas presso gli uffici postali.

Alle persone in possesso dei requisiti accertati dall’INPS e risultate assegnatarie della carta, verrà proposto dai servizi sociali comunali un programma personalizzato di attivazione sociale e lavorativa che coinvolgerà l’intero gruppo familiare, il cui rispetto sarà condizione necessaria per la continuazione del progetto e delle erogazioni.

Le domande potranno essere presentate dagli interessati agli uffici dei servizi sociali sin dal prossimo 2 settembre su moduli a disposizione presso il comune ma anche scaricabili dal sito INPS. Il Comune raccoglierà le domande e le inoltrerà all’INPS per la verifica dei requisiti.

 “Siamo molto soddisfatti di questa nuova misura di contrasto alla povertà offerta dallo Stato. E mi preme sottolineare che le politiche sociali attuate dal nostro comune e dal nostro distretto, negli ultimi anni, sono in linea con questa nuova misura ministeriale”, ci spiega il Sindaco Morini L’assessore Di Fabio aggiunge: “ il SIA sarà un importante e ulteriore aiuto per le famiglie disagiate del nostro territorio; la realizzazione della misura di sostegno prevede il rafforzamento dei servizi locali ed un lavoro di rete con i servizi per l’impiego, i servizi sanitari, le scuole, i soggetti privati e gli enti non profit. Il nostro Comune ha già sperimentato forme innovative di sostegno economico, attraverso progetti e prestazioni agevolate collegate ad un parametro di accesso ai benefici (punteggio) e condizionate all’attivazione lavorativa della persona. Il progetto, infatti, istaura un patto tra servizi e famiglie che implica una reciproca assunzione di responsabilità. Il SIA, voluto dal governo Renzi, sarà un passaggio graduale verso il reddito di inclusione, già in discussione in Parlamento.”

 

About Samantha Lombardi 4011 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it