10 dicembre 2016

Ostia, riflessioni post vacanze di un cittadino del X Municipio, molto, molto arrabbiato!

A volte quando si sentono certi “baroni” della politica, della finanza, i colletti bianchi, che rimpiangono le “magre” vacanze estive, appena concluse, su imbarcazioni miliardarie, in spiagge esotiche, in hotel a sette stelle, dovrebbero avere l’umiltà, di mostrare vergogna, e volgere lo sguardo verso terre, non molto distanti da noi, terre sconvolte dalla guerra, dai massacri, dalle “pulizie” etniche, dallo sterminio di bambini innocenti, terre dove certi famosi “baroni” della politica, della finanza, i colletti bianchi, agevolano il traffico internazionali di armi, dovrebbero avere l’umiltà e il coraggio di guardarsi poi allo specchio, e “serenamente” sputarsi in un occhio!
Forse, è giunto il momento di dare un segno forte alle tante non mantenute promesse, alle illusioni elettorali, alle passerelle dei “cacciatori” di voti, che negli ultimi anni hanno affossato un territorio pregno di fascino, storia e cultura.
Forse, il “nuovo” che avanza, può e deve sfatare, la falsa egemonia di una ormai “vecchia” politica, agonizzante e in avanzato stato di decomposizione, se il cambiamento deve esserci, si diano i primi segni di rinnovamento verso nuovi obiettivi, azzerando eredità lasciate a ricordo di vergogne politiche ed interessi personali, che sia finalmente l’alba di un definitivo “DAY AFTER”
Gaetano Di Staso