7 dicembre 2016

Piccole imprese: tra pubblicità online e strumenti promozionali tradizionali

Continua il processo di digitalizzazione delle piccole aziende, ma gli strumenti pubblicitari tradizionali non scompaiono

 

Negli ultimi anni, anche le piccole aziende hanno avviato un processo di digitalizzazione che ha visto le imprese non soltanto sviluppare dei siti web aziendali, ma anche creare delle campagne di sponsorizzazione sui social media, come Facebook e Twitter.

I social media per le piccole aziende 

I canali social come Facebook non sono soltanto delle piattaforme per farsi conoscere, ma possono trasformarsi in strumenti pubblicitari per le piccole aziende che vogliono offrire un servizio o prodotto ad una clientela specifica.

Rispetto a mezzi di comunicazione tradizionali come radio e televisioni locali, Internet può essere un mezzo più economico e addirittura a costo zero. L’azienda può comunicare e interagire direttamente con gli utenti/potenziali clienti, offrendo informazioni immediate, con un linguaggio diretto e preciso, richiesto da chi utilizza i social.

L’azienda potrà offrire ai propri clienti informazioni dettagliate con immagini e video di un prodotto e servizio che possono essere pubblicati su un blog dedicato oppure su una piattaforma come Youtube.

L’azienda che comunica attraverso i social media deve comunque tenere presente che ha bisogno di basare la propria strategia sulla condivisione di contenuti che siano utili a chi diventa fan o follower della pagina social dell’azienda.

L’impresa che offre fiori e addobbi floreali avrà bisogno di proporre contenuti che non solo siano in grado di promuovere le offerte dei prodotti, ma anche idee originali, ad esempio suggerimenti su come addobbare un interno o come realizzare regali personalizzati.

Tuttavia, la presenza dell’online delle piccole imprese resta limitata. Secondo dati dell’Unione Europea, l’incidenza dell’e-commerce sul fatturato nelle piccole e medie imprese italiane è del 8,2%, mentre le vendite online corrispondono al 6,5%, (rispetto al 16% della media europea per le PMI). La competenza digitale delle piccole e medie imprese italiane si colloca al 24esimo posto su 28 europei, questo perché le piccole aziende continuano a servirsi di strumenti pubblicitari tradizionali.

Localizzazione: Strumenti pubblicitari tradizionali

Ci sono strumenti pubblicitari che l’online non riesce a sostituire completamente, ma che spesso può integrare. Manifesti, cartelloni pubblicitari, volantini, banner ed espositori sono alcuni degli strumenti pubblicitari utilizzati da chi vuole catturare l’attenzione del potenziale cliente. Su questi prodotti, si possono aggiungere gli indirizzi web dei siti aziendali o della pagina Facebook, facendo in modo che questi che strumenti di marketing tradizionali si integrino con le nuove piattaforme digitali.

Nell’ultimo decennio anche i costi per realizzare prodotti pubblicitari come calendari e poster si sono abbassati. Con l’avvento delle tipografie online, i piccoli imprenditori sono stati in grado di diminuire i costi per realizzare il proprio materiale di marketing pubblicitario.

Su un sito che stampa volantini online, un imprenditore potrà autonomamente creare e ordinare i propri prodotti personalizzati, senza spostarsi dal posto di lavoro e ricevere il prodotto finito direttamente in azienda.

Rispetto al marketing online, lo stampato pubblicitario può offrire al potenziale cliente una conoscenza diversa del prodotto e del servizio offerta. Questo tipo di marketing si rivolge in particolare a gruppi di persone specifiche, che vivono in un’area territoriale limitata.

La pubblicità online e cartacea non si escludono a vicenda, ma possono essere integrate, offrendo alle piccole aziende un efficace strumento di sviluppo nel lungo termine.