3 dicembre 2016

Cisterna Film Festival, il docufilm “My enemy, my brother” è il vincitore assoluto

La seconda edizione del Cisterna Film Festival – Festival Internazionale del Cortometraggio si è conclusa domenica 21 agosto dopo tre speciali serate di proiezione che hanno visto decretare il vincitore.
Quest’anno ad essere premiato dalla giuria di tecnici ed esperti del mondo cinematografico è stato “My enemy, my brother” di Ann Shin, un docufilm sulla vera storia tra due soldati nemici della guerra tra Iran e Iraq che si incontrano dopo anni in Canada, scoprendo che il loro rapporto può diventare tanto stretto quanto quello fraterno, e andare al di là delle divisioni che i governi impongono alle popolazioni, tema sempre attuale.
I giurati Emanuele Rauco, Lorenzo Berghella, Michele Degirolamo e Rino Piccolo, congratulandosi per l’eccellente qualità generale dei film in concorso, hanno così motivato la loro decisione: “Per il coraggio e l’unicità della storia raccontata, per la capacità di utilizzare più linguaggi riuscendo così a toccare più strati emotivi, per l’eleganza formale e la semplicità nel raccontare personaggi complessi che da una situazione limite portano alla luce la loro umanità andando oltre qualsiasi tipo di condizionamento ideologico”.
Una storia che ha toccato nel profondo anche gli spettatori, che hanno deciso di assegnare allo stesso film anche il Premio del Pubblico. Bis quindi per “My enemy, my brother”, seguito nelle preferenze della platea rispettivamente da “La nuit, tous les chats sont roses” di Guillame Renusson e dal solo film d’animazione quest’anno in selezione, il candidato agli Oscar “We can’t live without cosmos” del russo Konstantin Bronzit. Le preferenze sono state dettate da una partecipazione sempre crescente del pubblico, che ha raggiunto un picco di spettatori nel finale, e che in totale nelle tre serate dell’evento ha superato i 600 spettatori: dato in crescita rispetto allo scorso anno, che dimostra come il Cisterna Film Festival sia un fenomeno sempre più seguito. Apprezzamento confermato anche dai numerosi privati che hanno deciso di investire nella manifestazione.
Altri due i premi assegnati nel corso della serata. Il primo è stato quello della sezione Next Generation, dedicata ai ragazzi che hanno votato il corto olandese “All there is” di Jeroen Mourmans, e quello di MOBilitazioni Artistiche. I membri dell’Associazione Culturale di base a Cisterna hanno deciso di premiare il Miglior Interprete della manifestazione, ossia Lars Mikkelsen, protagonista del corto “Void”.
Assegnate anche tre menzioni speciali: una per la regia di Kamal Parnak nel film iraniano “Hasti”, una per il film “Bellissima” di Alessandro Capitani e infine un’altra per la fotografia di “Lost Village”, ad opera di Gorka Gomez Andreu.
Proiettato in anteprima anche il teaser del film americano, tuttora in corso di realizzazione, “Uma”, ambientato tra Firenze, Cisterna, Latina, Sermoneta e Gaeta, e tenuto un collegamento in diretta Skype con il regista Alain Maiki. Hanno ulteriormente arricchito la proposta artistica delle tre giornate la mostra fotografica di Paola Acciarino e quella della Latina Film Commission con scatti “rubati” dal backstage dei film girati in provincia di Latina.
Ricordiamo che quest’anno il Cisterna Film Festival, con la direzione artistica di Cristian Scardigno e organizzato dall’Associazione MOBilitazioni Artistiche di Marianna Cozzuto, ha ottenuto non solo il patrocinio del Comune di Cisterna e della Provincia di Latina, ma anche quello della Regione Lazio.