10 dicembre 2016

Roma, Santori-Figliomeni: “Codacons fa class action per blocco stipendi ma per la Raggi non vale”

“Mentre il Codacons è costretto a depositare un ricorso collettivo contro il blocco degli stipendi del pubblico impiego, in Campidoglio i compensi dei dipendenti pubblici chiamati nello staff della sindaca Raggi e dei suoi assessori raddoppiano o addirittura triplicano grazie all’applicazione distorta degli articoli 90 e 110 del Tuel, il testo unico degli enti locali. Presenteremo un esposto alla corte dei conti anche per evitare che vengano sfornate nuove nomine con stipendi a 5 stelle” lo dichiarano in una nota Fabrizio Santori e Francesco Figliomeni, rispettivamente consigliere regionale e consigliere capitolino di Fratelli d’Italia.

Nei giorni scorsi il capogruppo alla Pisana del Movimento 5 Stelle Devid Porrello aveva pubblicamente espresso i suoi dubbi e ora finalmente anche dai consiglieri capitolini pentastellati emergono dei forti malumori che speriamo servano a bloccare questo scempio. Sia chiaro: è giusto avere dei collaboratori e pagarli in maniera proporzionata alle loro competenze ma il tutto deve avvenire nel rispetto della legge. Inoltre ci chiediamo dove sia finita la moralità dei 5 stelle. La casta, le poltrone d’oro per gli amici, la selezione dei curricula alla luce del sole? A Roma la purezza grillina non esiste più ma Beppe Grillo che dice? ” concludono gli esponenti di FDI.