6 dicembre 2016

Così il governo sta affossando la ricerca

Human Technopole, nuove biotecnologie per l’agricoltura, progetto genomi, sono solo alcuni dei più lampanti esempi di come all’interno del mondo della ricerca ci sia una guerra in atto per la corsa ai finanziamenti.
A colpi di articoli sulla stampa, interventi in aule parlamentari, guerre sui social, tutto il mondo della ricerca sta mettendo in atto uno scontro fratricida.
Ormai si proclama in maniera autoreferenziale la propria autorevolezza e la propria “maggiore” competenza rispetto agli altri, spesso solo per giustificare l’ottenimento più o meno trasparente di fondi pubblici.
Federico Infascelli, da sempre scienziato apprezzato e critico verso gli OGM, viene coinvolto in una vicenda nella quale sembrerebbe aver falsificato alcuni dati della sua ricerca che andava decisamente in verso contrario all’uso di OGM. Senza nemmeno aver appurato la sostanzialità del fatto, tutta la stampa e il movimento scientifico in favore del transgenico, sono insorti contro lo scienziato della Federico II urlando allo scandalo. Poco tempo dopo il Ministro dell’agricolturaMaurizio Martina, in sede di legge di stabilità, destina 21 milioni di euro a non meglio identificati progetti riguardanti le nuove biotecnologie in agricoltura, con particolare riferimento a genome editing e cisgenesi. Queste nuove tecniche altro non sono se non la più recente evoluzione della tecnologia OGM che proprio il Ministro Martina ha combattuto in passato, ma che oggi ne diventa baluardo politico/amministrativo.
Capofila politica in favore degli OGM è la Senatrice Elena Cattaneo che è stata pochi mesi fa, conarticoli su “La Stampa” al centro di una polemica che la colloca effettivamente nella situazione imbarazzante di far parte di una commissione giudicante sull’erogazione di soldi pubblici al “Fondo Genomi” e al contempo di essere una degli scienziati nel novero della INGM (Istituto Nazionale di Genetica Molecolare), ente privato di ricerca proprio di Genomica. Lei però smentisce e sostiene di non lavorare per la INGM ma di avere “solo” il suo laboratorio/studio all’interno della sua struttura. Nell’ultima finanziaria al fondo genomi verranno assegnati 15 milioni di euro per i prossimi tre anni, grazie all’approvazione di un emendamento che inizialmente in commissione fu presentato proprio dalla Senatrice Cattaneo, accantonato e poi ripresentato alla Camera con il consueto gioco delle tre carte. Insomma legislatrice, giudicante ed esecutrice. Una e trina.

Altro flusso di denaro importante coinvolge l’IIT e il progetto Human Technople per il post expo

La vicenda IIT è oramai nota, un miliardo e mezzo in 10 anni annunciati da Renzi per la costituzione dello human technopole, un centro di ricerca nell’area expo, hanno scatenato l’inferno di botte e risposte sui giornali e dossieraggi poco nobili. Ne ha fatto le spese Pier Giuseppe Pelicci, noto per gli studi di ricerca sulle leucemie e messo alla gogna per il suo studio sulla proteina P66 che i media hanno intitolato “L’elisir di lunga vita” accusandolo di usare questo studio per fare leva sul Governo ed entrare nell’affaire Human Technopole. Una lettera sottoscritta da 200 tra scienziati e strutture di ricerca in sostegno del professor Pelicci hanno tentato di scardinare l’accusa iniziale, tra l’altro sottolineando come lo studio pubblicato non ha avuto nessun contro articolo scientifico che ne smentisse la portata. Intanto però l’eco iniziale ha fatto il giro dell’opinione pubblica. I soldi che ogni anno sono stati devoluti all’IIT nell’ultimo decennio, corrispondono alla medesima cifra assegnata per i PRIN, cioè i fondi per i progetti universitari e creano uno scompenso non giustificabile. Renzi lo ha paragonato al Planck tedesco, ma nella sua ignoranza non sa che è la Società Fraunhofer che si occupa della ricerca applicata e che supporta in modo sistematico i collegamenti tra scienza e industria.

In tutto questo poco nobile litigio per la spartizione dei denari il Governo naviga in acque tranquille, continuando a schivare un impegno serio per il rilancio della ricerca italiana fatta da programmazione a lungo termine, snellimento delle procedure di reclutamento che possano far prevalere il merito sul clientelismo, condizioni attrattive per i ricercatori che ottengono fondi europei, l’istituzione presso gli atenei di uffici seriamente impegnati nell’ ottenimento di fondi europei e l’istituzione di una agenzia italiana per la ricerca richiesta a gran voce da tutti la promozione di istituti di ricerca pubblico/privato che attraggano sostanziali quote di fondi privati. E poi, per il post expo lo human technopole che avrà uno spazio pari allo zero virgola di quelli cementificati nella grande fiera, diventa un potente e utile specchietto per le allodole per passare sotto silenzio il destino della maggior porzione dell’area.

Fonte: beppegrillo.it

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5958 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.